Zerocalcare: Nuovi dettagli sulla pubblicazione di Kobane Calling da parte di Bao

BAO_PUBLISHING_head

Avevamo annunciato qua che Bao Publishing, in un commento sulla propria pagina Facebook, aveva detto che avrebbe ripubblicato “Kobane Calling”. Durante la conferenza di Sarzana abbiamo colto l’occasione per chiedere a Michele Foschini se ci potesse raccontare qualcosa di più riguardo questa importante notizia.

ZEROCALCARE IMMI più curiosi potranno andare a vedere il video a partire dal minuto 29:21 e ascoltare la risposta di Foschini con le proprie orecchie, mentre per i più pigri, ricapitoliamo qua ciò che ha rivelato il publishing editor di Bao. Innanzitutto, la conferma che effettivamente Bao Publishing, che per prima ha scommesso su Zerocalcare, pubblicherà Kobane Calling, la “storiona” di 41 pagine che ha colpito al cuore una massa indistinta ed eterogenea di lettori. Ma non subito. In effetti Bao riproporrà il reportage realizzato da Michele Rech, ma solo nel contesto di una nuova raccolta più ampia che comprenda anche altri contenuti, siano questi una nuova selezione di storie dal blog o magari qualcosa di completamente nuovo.

La ragione di questa scelta, apparentemente poco redditizia per l’editore, va invece a disporsi nel solco della politica editoriale di Bao che, d’accordo con l’autore, ha preferito puntare sulla qualità delle sue pubblicazioni piuttosto che sfruttare l’onda emotiva che Kobane Calling ha generato. Inoltre, come già abbiamo avuto modo di dire qui, l’esperienza umana vissuta a Kobane ha rappresentato probabilmente un punto di svolta per l’artista Michele Rech,  che potrebbe quindi decidere di replicare l’esperienza o magari tentare altre vie di espressione. A quel punto non sorprenderà veder apparire magari anche altri reportage, perché sarà solo il risultato di quell’inarrestabile bisogno che Zerocalcare ha di raccontare le storie che più gli stanno a cuore.

zerocalcarekobane2

Le buone notizie, quindi, dicono che avremo Kobane Calling in una splendida edizione e che certamente sarà parte di una serie di storie. Quelle che potreste vedere come meno buone, invece, ci informano che tutto arriverà con i modi e i tempi di Zerocalcare. Consolatevi, però: fino ad ora attendere l’autore romano (e Bao) non è mai stata una cattiva idea, quindi non ci resta che metterci comodi e aspettare fiduciosi.

Andrea Cattani

Figlio degli anni '80 (insomma...metà anni 70...), attendo l'arrivo di Daltaniuos per finalmente fuggire da questo pianeta, a mio parere, dominato da mostri. Ecco

Potrebbero interessarti anche...