Lucca Comics & Games 2015: dove alloggiare?

lucca comics games 2015 logoUN POSTO PER TUTTI

Fine aprile, primavera. Credete che buttare già un pensiero a quella che sarà la prossima edizione del Lucca Comics & Games sia un’idea avventata o frutto di un maniaco impaziente? Nulla di più sbagliato, credete a me! Chi è stato anche solo una volta a dormire nella città delle mura sa quanto sia difficile e oneroso, quindi il gioco d’anticipo è l’unico sistema valido che porta in dote risultati concreti.

panoramica_lucca_centro_storico_mura_urbane

Io vivo a Lucca e posso assicurarvi che già quotidianamente ricevo telefonate di persone che cercano un posto sicuro per trascorrere la fiera. Ho amici che hanno strutture ricettive già prenotate dallo scorso anno, di alberghi non se ne parla nemmeno, se le stanze più economiche sono già vendute le altre sono riservate alle tasche di petrolieri o qualche facoltoso emiro. Non resta, amici miei, che giocare la carta che è tanto cara al popolo italico tutto, quella sulla quale fondiamo la nostra storia recente: arrangiarsi. Personalmente posso darvi qualche consiglio su come fare e cosa evitare.

lucca-comics-and-games-2010-02

La città non è purtroppo ricettiva in ambito di campeggi, ad esempio, cosa riservata inoltre visto il periodo a ridosso dell’inverno a indomiti avventurieri di un altro secolo. Potrebbe essere buona l’idea del camper per ottimizzare e dividere le spese di viaggio e pernottamento, i parcheggi e le aree di sosta riservate sono numerose e assai vicine. Per chi ama il soggiorno classico inizia la competizione vera e propria. I B&B sono presi d’assalto fino a molti chilometri di distanza, e non è certo che sia una soluzione buona (e comunque questo è già periodo di caccia). La soluzione, che da qualche tempo è più battuta è quella di scovare un appartamento che si trova in affitto o che per l’occasione viene liberato con la finalità di metterlo a disposizione (dietro compenso) per chi è interessato a godersi la manifestazione nella sua meravigliosa interezza.

Questa soluzione a pensarci bene non è tutto sommato malvagia: consente in molti casi di dividere l’intera somma per tutti quelli che con voi si sono organizzati, fino ad arrivare a cifre contenute e spendibili. Anche qui ci sono naturalmente classi e livelli. Si possono individuare molteplici situazioni, da quella panoramica e lussuosa a quella minima e poco confortevole, ma in ogni caso sarà giusto il vostro spirito di adattamento o il contenuto del portafoglio a fare inevitabilmente la differenza. Dovrete armarvi di pazienza, istinto, fortuna e in certi casi di un po’ di faccia tosta. Negli anni ne ho viste e sentite di tutti i colori: cercate sul web, tra gli annunci, tra i privati, tra gli amici, tra gli amici degli amici. Qui un posto c’è per tutti.

Riccardo Lucchesi

Tutto ha avuto inizio un giorno del 1988; ho comprato il numero 18 di Dylan Dog, Cagliostro! e non ho più smesso. Dylan ancora si trascina stanca, ma nel frattempo mi sono lasciato prendere la mano e ho invaso casa/e, non solo di fumetti ma ci ho messo un po' di sogni, di ricordi, di momenti, insomma ho misurato la mia vita tra pubblicazioni settimanali e mensili. E ora sono qua a scriverne per ricordarmi che ho fatto semplicemente la cosa giusta