C4 Comic Meets the Web: Aspettando… Lucio Staiano

Shockdom

LUCIO STAIANO E LA VIA CONTRARIA

Il conto alla rovescia è ormai sempre più vicino allo zero, tanto che ormai possiamo contare le ore. Sono 72 infatti quelle che ci LUCIO-STAIANO-SHOCKDOM-4aseparano dall’inizio di C4 Comic Meets the web, che avrà inizio sabato 6 giugno presso la fortezza Firmafede a Sarzana. La presentazione di oggi è abbastanza particolare, perché Meets the Web è nata proprio dall’idea di de-virtualizzare in qualche modo tutto quel fenomeno del fumetto online che negli ultimi anni ha subito una crescita esponenziale. Eppure Lucio Staiano, molti anni fa, ha fatto esattamente il percorso inverso: un giorno alla fine degli anni ’90, dalle aule della facoltà di Fisica in quel di Pisa, ha pensato di liberare il fumetto dalla carta e donarlo al formato digitale. Certo, all’epoca si parlava di cd-rom e fumetti da proporre in formato multilingua, ma è pur vero che all’epoca internet era ancora appannaggio di pochi, i computer nelle case si potevano contare e i telefoni portatili erano per lo più relegati in strane cabine di vetro piazzate qua e là agli angoli delle strade. Erano assai poco portatili e andavano a gettoni.

DALLA CARTA AL WEB E RITORNO

Difficile quindi parlare di Staiano senza trovarsi a parlare della sua creatura, Shockdom. Anche se certe affermazioni potrebbero sembrare altisonanti, non c’è un modo diverso per dirlo: il webcomic in Italia è nato nel 2000 con Shockdom. Cominciando da Eriadan, per arrivare a Sio o Bigio (o Simple e Madama , o la Vianello solo per citare qualche nome noto), a un certo punto chiunque avesse accesso a internet poteva pubblicare il proprio lavoro. E poteva farlo senza la paura che qualche squalo dell’editoria si appropriasse delle storie e dei personaggiLUCIO STAIANO - SHOCKDOM 3. Allo stesso modo queste persone potevano iscriversi sul portale e comunicare, scambiarsi impressioni ed esperienze. Stiamo ancora parlando di un periodo in cui  i social network erano roba per pochissimi bene informati e Facebook solo un giocattolo per far flirtare gli studenti di Stanford. Non è stato sempre rose e fiori, basta andare a leggere qualche intervista in giro per il web e per vedere che, come ogni progetto ambizioso e innovativo, anche Shockdom ha subito le proprie battute di arresto e passato i propri momento difficili. Eppure investire sul talento, sugli esordienti, sul futuro, ha pagato. Così come intuire che i lettori del webcomic e quelli del fumetto classico erano soggetti non sovrapposti, e che percorrere al contrario quella strada aperta anni prima, portando su carta gli autori nati sul web, sarebbe stato vincente. Sio docet.

CHE ASPETTATE?

LUCIO STAIANO - SHOCKDOMLucio Staiano non è un personaggio particolarmente distante. Se avete visitato qualche mostra di fumetti dove fosse presente lo stand Shockdom, lo avrete visto dietro al banco a parlare di fumetti, a consigliare qualche lettura, a lavorare per il proprio sogno. E se oggi per farvi pubblicare basta fare un giro su internet, l’opportunità di fare qualche domanda ad un personaggio tanto importante del panorama fumettistico vale bene un viaggetto a Sarzana. Vi aspettiamo quindi sabato 6 giugno alla festa che abbiamo organizzato per tutti voi. Arrivederci con Lucio Staiano a C4Comic Meets the Web.

PS : per tentare di capire meglio la persona, vi sarà sufficiente dare una scorsa al suo libro Noumeno, perché “ciò che è non è sempre ciò che appare”. Non un libro semplice, ma meritevole di una attenta lettura.

Andrea Cattani

Figlio degli anni '80 (insomma...metà anni 70...), attendo l'arrivo di Daltaniuos per finalmente fuggire da questo pianeta, a mio parere, dominato da mostri. Ecco

Potrebbero interessarti anche...