Batman Arkham Knight: Nella soundtrack il rapper Mondo Marcio

batman_arkham_knight

Gli appassionati di Batman possessori di una console da gioco staranno consumandosi sicuramente le dita sul nuovo capolavoro targato Rocksteady intitolato Batman: Arkham Knight.

Ciò che forse non tutti sanno è che il rapper milanese Mondo Marcio, in collaborazione con la Warner, ha realizzato una canzone ad hoc ispirata al videogioco. ll brano intitolato Gotham incarna perfettamente i toni cupi della città dell’uomo pipistrello. La canzone è disponibile sul canale Youtube e VEVO dell’artista autore di Dentro a una scatola. A seguire vi lasciamo al testo della canzone e al video in modo che possiate godervela come merita, buon ascolto!

Dicono un uomo muore ma un simbolo è per sempre
Nessuna storia su di me, senti solo leggende
Entra nella mia caverna
Così buio quaggiù, sembra la notte eterna
Così tante ombre che non sai più cos’è vero
Prega i tuoi santi che stanotte torni a casa intero
Voce scura, matcha con l’abito nero
La mia città ha bisogno di me, Bat segnale in cielo
Guido in centro come a Maranello
Di notte prendo vita come l’uomo pipistrello
Un’infanzia normale? Giuro che non mi manca
Bella macchina? Dovresti vedere l’altra
Faccio giustizia con le mie mani
Solo Un uomo, circondato da criminali
Così tanti fac-simile di specie ignota
Ma c’è posto per un solo Batman in questa Gotham

Mille cicatrici ma ancora vivo
Così tanti SOS da riempirci un libro
Moriresti per essere l’eroe
Ma vivi così a lungo da vederti diventare il cattivo
Non c’è amore tra queste strade
Ci hanno buttato qua dentro e con noi la chiave
Volo sopra queste case come fossi alato
Con una croce sulle spalle come un crociato
Tu gioca alle tue parole crociate
Non trovi veri boss tra le grate
Io cerco una donna gatto da ammanettare
Ma anche lei è solo un’altra gatta da pelare
Di nuovo qua con le spalle al muro
Ho rinunciato a tutti i sogni per tenerne uno
Frà io faccio miracoli
Tu fai quello che puoi
È nelle notti più scure che nascono gli eroi

Jacopo Cerretti

Classe '90, cresciuto a pane (tanto) e comics con approccio disinteressato, negli ultimi 3 anni ho sviluppato un vero e proprio amore per il fumetto grazie in primis all'indagatore dell'incubo, i colleghi di casa Bonelli e alle poesie grafiche di Gipi.

Potrebbero interessarti anche...