The Washington Post: i migliori graphic novel del 2015

washington-post-logo

The Washington Post ha pubblicato online una classifica dei migliori graphic novel del 2015. Tra le produzioni troviamo volumi in lingua inglese di diverse case editrici, tra le quali possiamo riconoscere Drawn and Quarterly, SelfMadeHero, Top Shelf Productions e persino DC Comics. La variegata lista prevede produzioni di carattere biografico, come in March: Book Two e come in Pablo, toccando poi le più spinte vette del fantasy con l’ultima creazione di Neil Gaiman,  Sandman: Overture. Ma andiamo a dare un’occhiata più da vicino.

  • MARCH: Book Two di  John LewisAndrew Aydin con le illustrazioni di Nate Powell.

Una storia autobiografica del deputato John Lewis. Incentrato sulla marcia su Washington del 1963, in questo secondo volume in particolare vengono analizzati i primi approcci del politico con la cittadina statunitense. Quest’opera è ricca di immagini e racconti forti.

  • KILLING AND DYING di Adrian Tomine. 

Una raccolta di sei storie brevi, in cui seguiremo l’autore in un viaggio emozionale all’interno del proprio subconscio. Verrà anche affrontato il tema del trasloco, che qui avviene dalla California fino a New York.

  • PABLO di Julie Birmant e Clement Oubrerie.

La storia di uno dei pittori più celebri della storia, la biografia di Pablo Picasso. Verranno narrati i suoi primi giorni a Montmartre e la sua rivalità con Matisse, fino ad arrivare alla sua maturità artistica e personale.

  • STEP ASIDE, POPS: A Hark! A Vagrant Collection di Kate Beaton.

Il secondo volume della raccolta della celebre striscia realizzata da Kate Beaton, dove vediamo un racconto attraverso la storia e i suoi protagonisti.

  • SANDMAN: Overture di Neil Gaiman e J. H. Williams III.

Il prequel di una delle più celebri e osannate creazioni del mondo dei comics, in particolare dalle leggendarie pagine della Vertigo Comics. Vivremo di nuovo nel mondo di Sogno, con un incredibile connubio tra i testi di Gaiman e i conturbanti disegni di Williams III.

Fonte: The Washington Post

 

Pietro Badiali

Nato e cresciuto con Batman-The Animated Series ed i film di Tim Burton mi approccio ai fumetti anche grazie ai supereroi. Alla 150esima resurrezione decido di lanciarmi anche in altri campi. Ora sono un onnivoro: manga, graphic novel, BD, comics...l'importante è la qualità.

Potrebbero interessarti anche...