Nerd Show 2018: buona la prima, superata quota 22mila visitatori

Bilancio della prima edizione tenutasi a Bologna al Quartiere fieristico

Nerd Show, buona la prima: superata quota 22mila visitatori

Grande successo per il festival dedicato al fumetto, ai videogiochi e alla cultura pop. Un pubblico eterogeneo, composto da appassionati, semplici curiosi e tante famiglie con bambini, ha letteralmente invaso i padiglioni della fiera

A decretare il successo di Nerd Show sono stati soprattutto i sorrisi, i volti rilassati e divertiti dei visitatori provenienti da tutta  Italia. Impressioni che trovano piena conferma nei numeri, davvero imponenti, a partire dagli oltre 22mila accessi registrati nelle due giornate di Nerd Show, festival dedicato al fumetto, ai videogiochi e alla cultura pop.

Già a partire da sabato mattina – 10 febbraio – un fiume di persone ha pacificamente invaso gli spazi della manifestazione organizzata da BolognaFiere, un flusso continuo che è proseguito sino al tardo pomeriggio di domenica 11 febbraio, quando alcune migliaia di persone in coro hanno intonato i refrain delle più famose sigle di cartoni animati giapponesi, interpretate da Giorgio Vanni erede indiscusso della bolognese Cristina d’Avena.

Grande interesse per tutte le aree di Nerd Show. Come c’era da aspettarsi, sul fronte degli spettacoli enorme è stato il seguito ottenuto dagli Youtuber, tra i quali vere e proprie star del web come FaviJ, iPantellas, LaSabri, il Signor distruggere. Grande curiosità e interesse hanno poi suscitato i fumettisti ai quali è stata dedicata la più grande Artist Alley mai allestita in Italia: oltre 80 autori di fumetti, veri e propri artisti, che hanno incontrato i loro fan, disegnato, realizzato sketch.

Altrettanto apprezzato il padiglione interamente dedicato ai videogiochi dove si sono tenuti affollatissimi tornei e coinvolgenti dimostrazioni di applicazioni di realtà virtuale. In tanti, soprattutto le famiglie con bambini, hanno approfittato dell’area retrogaming dove era possibile giocare utilizzando molti dei videogiochi che hanno fatto la storia del settore. Sorprendente vedere come i più piccoli dopo pochi secondi fossero in grado di sfruttare a pieno le potenzialità di console che con tutta probabilità sino a ieri non avevano mai visto, se non, forse, in soffitta, tra le vecchie cose del papà.

Antonio Bruzzone, direttore generale di BolognaFiere, dichiara:

Siamo particolarmente soddisfatti per il successo registrato dalla prima edizione, a Bologna, di Nerd Show. Il flusso di visitatori e le tante richieste di “rassicurazione” sulla ripetizione dell’esperienza. Abbiamo già iniziato a lavorare alla prossima edizione in programma nel febbraio del prossimo anno.

Interesse anche da parte dei principali media che hanno seguito l’evento, amplificando la diffusione delle informazioni e delle notizie e consentendo ai tanti visitatori di pianificare la visita a Nerd Show sulla base delle iniziative e dei testimonial presenti in Fiera.

Anche sul Web, dove è possibile continuare a vivere le atmosfere del festival, Nerd Show ha riscosso un ottimo successo: oltre 150.000 le visite al sito con picchi di oltre 17.000 visite al giorno e 400.000 visualizzazioni complessive. Il profilo Facebook, ha raggiunto quota 20.000 followers allineandosi, ai principali eventi di settore del territorio. 15.000 le visualizzazioni Facebook nella settimana dell’evento con una copertura di 650.000 e 80.000 interazioni. Il profilo Instagram ha registrato oltre 400 follower, 15.000 impressions e oltre 2.500 visualizzazioni del profilo.

Fonte: NerdShow.it

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...