Un sogno chiamato Florida: ecco le illustrazioni originali degli studenti dell’Istituto europeo di design

Le illustrazioni originali degli studenti dell’Istituto europeo di design di Roma per il film
Un sogno chiamato Floridadi Sean Baker

Al cinema dal 22 marzo 2018
Qui la nostra recensione

In occasione dell’uscita al cinema di “Un sogno chiamato Florida“, il pluripremiato film di Sean Baker nelle sale italiane dal 22 marzo grazie alla società di Distribuzione cinematografica Cinema, l’Istituto europeo di design mette in campo i suoi giovani talenti.

Gli studenti di IED Roma si sono cimentati nella realizzazione di una serie di illustrazioni dedicate al film di Sean Baker, interpretandone personaggi e tematiche. A selezionare le opere un giudice d’eccezione: l’illustratrice Chiara Rapaccini, in arte Rap, docente del corso triennale di Illustrazione presso IED Roma e autrice della pagina satirica Amori Sfigati, che ha supervisionato l’iniziativa.

Acclamato dalla stampa mondiale e vincitore di numerosi riconoscimenti, Un sogno chiamato Florida (titolo originale The Florida Project) è nelle classifiche dei Migliori film del 2017 (Sight and Sounds, Los  Angeles Times, New York Times, Indiewire, Hollywood Reporter…).

Grazie all’intensità della sua interpretazione, Willem Dafoe, Orso d’Oro alla carriera alla Berlinale, è stato candidato agli Oscar® 2018 come miglior attore non protagonista, mentre la piccola protagonista Brooklynn Prince, a soli sette anni, è considerata l’attrice rivelazione dell’anno.

Il film è ambientato a Orlando, Florida, la capitale mondiale delle vacanze, un paradiso ricco di sole al quale accorrono ogni anno milioni di turisti da tutto il mondo; un regno incantato con una miriade di parchi tematici, spettacoli e resort. Però, a pochi passi di distanza, c’è un mondo completamente diverso in cui vivono i personaggi descritti da Baker senza pietismi e con una gran dose di allegria.

Sinossi
La piccola e vivace Moonee (Brooklynn Prince), insieme al suo gruppo di amici, trascorre le vacanze estive con quello spirito di possibilità e quel senso di avventura tipici dell’infanzia, mentre gli adulti intorno a loro attraversano tempi difficili. Hanno circa sei anni e riescono ancora a trasformare una realtà fatta di fast food, trash televisivo e quotidiana miseria in un’avventura. Moonee è una piccola canaglia, mentre la sua giovane mamma Halley (Bria Vinaite) si muove lungo il confine tra legalità e crimine e l’unico che cerca di tenere insieme le cose è Bobby (Willem Dafoe) il manager del Magic Castel Hotel dove vive Moonee.

Fonte: CinemaSRL.com

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...