Arte, Mibact: grande successo per la mostra Fumetti nei musei

Arte, Mibact: grande successo per la mostra Fumetti nei Musei, ora in cantiere altri 27 graphic novel per un viaggio a fumetti nelle principali collezioni d’arte d’Italia

Conclusa la mostra con le tavole originali all’Istituto centrale per la grafica di Roma

Si è conclusa con grande successo di pubblico la mostra Fumetti nei musei, nata dall’omonimo progetto del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo che ha coinvolto alcuni dei più famosi fumettisti italiani nella realizzazione di 22 graphic novel ambientati nei principali musei e siti archeologici d’Italia.

Oltre ai tanti appassionati di fumetti la mostra, allestita nelle sale dell’Istituto centrale per la grafica, ha visto la partecipazione di numerosi visitatori stranieri, complice la strategica posizione nel cuore di Roma dell’Istituto che raccoglie la più ampia e prestigiosa collezione di disegni, stampe, matrici, fotografie e video d’artista. Le tavole esposte entreranno adesso nella collezione permanente del Palazzo della Calcografia, dando vita così al primo fondo dedicato all’arte del fumetto dell’Istituto della grafica.

Il progetto Fumetti nei musei, ideato e curato dall’Ufficio stampa e comunicazione del Mibact e realizzato con Coconino Press – Fandango, ha l’obiettivo di avvicinare i ragazzi tra i 6 e i 18 anni al patrimonio culturale italiano. Gli albi contribuiscono infatti a integrare l’offerta didattica annuale del Piano nazionale per l’Educazione al patrimonio culturale, e saranno distribuiti gratuitamente negli incontri con le scuole, secondo il target scelto dai direttori dei 22 istituti, sulla base dei propri programmi formativi destinati ai bambini delle elementari oppure ai ragazzi delle classi medie inferiori e superiori. Il progetto vede il supporto di Ales Spa, della Direzione generale musei e del Centro per i Servizi educativi del Mibact.

Dario Franceschini, il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, nel giorno della presentazione del progetto alla stampa ha dichiarato:

Fumetti nei Musei valorizza artisti che sono degli autentici talenti italiani, investe sul fumetto, che è un grande strumento di comunicazione culturale, e fa comprendere quanto i musei italiani stiano facendo per avvicinare nuovi pubblici. Inoltre questo progetto ha il merito di dar vita a un fondo del fumetto all’Istituto Centrale della Grafica, che grazie alla donazione degli autori avrà il suo primo, importante nucleo.

Il Direttore generale musei Antonio Lampis ha commentato:

È importante non banalizzare e porsi di fronte all’inaspettato e Fumetti nei Musei accoglie la sfida: avvicinare le nuove generazioni con nomi così importanti del fumetto italiano, un altro importante modo per strutturale il sistema museale nazionale.

Mattia Morandi, capo ufficio comunicazione del Ministero della cultura, ha dichiarato:

Fumetti nei musei andrà avanti coinvolgendo anche gli altri 10 musei autonomi e i 17 poli regionali. L’idea è di arrivare alla realizzazione di 50 graphic novel che diventeranno un vero e proprio viaggio a fumetti attraverso i musei italiani.

Insieme alle storie create dagli artisti e alla sezione didattica, i libri contengono una pagina bianca, un invito ai ragazzi a disegnare il proprio fumetto per poi pubblicarlo e condividerlo sui social network con l’hashtag #Fumettineimusei. Il progetto Fumetti nei musei viene raccontato quotidianamente sugli account Facebook e Instagram @fumettineimusei.

Maggiori informazioni sui musei e gli autori coinvolti e le immagini delle copertine e delle tavole esposte sono disponibili a questo link www.beniculturali.it/fumettineimusei.

Fonte: FandangoEditore.it

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...