Play 2018: domani l’ultima giornata della decima edizione del festival

Domani terza e ultima giornata della decima edizione del festival del gioco

Play fa esplodere la voglia di divertirsi in compagnia

Bambini” di ogni età hanno letteralmente preso d’assalto i padiglioni di ModenaFiere. Il gioco da tavolo conferma di vivere un momento di grande vivacità e non subisce la concorrenza dei giochi elettronici

Dalla nascita di una trottola in legno realizzata con il tornio alle simulazioni di combattimenti in realtà virtuale, dai paesaggi unici degli intramontabili mattoncini lego alle riproduzioni degli scenari di guerra con soldatini in miniatura, da duelli a colpi di dadi e carte delle migliaia di giochi in scatola presenti sul mercato fino alle riflessive sfide a scacchi e dama. E poi la magia dei giochi (e dei rompicapo) in legno, la ludoteca più grande d’Italia, gli immancabili Cosplay, le attività per i bambini, la novità dei giochi di ruolo educativi.

È solo un piccolo spaccato di quanto è possibile trovare a Play, il festival del gioco da tavolo in scena a ModenaFiere che ieri ha registrato un boom di accessi con visitatori in coda fin dal mattino per l’appuntamento speciale con tutto ciò che riguarda il mondo dei giochi. Ed infatti di tutto e di più hanno trovato le migliaia di persone che ieri hanno letteralmente invaso i padiglioni di ModenaFiere riuscendo comunque a trovare posti ai tavoli da gioco grazie all’imponente numero di postazioni messe a disposizione dall’organizzazione. Tanta folla, ma anche tante opportunità per scoprire le ultime novità sul mercato lanciate proprio a Play, provare le demo, i nuovi giochi per i più piccoli anche in età di asilo, arricchire le proprie collezioni. Andrea Ligabue, direttore artistico di Play che in occasione dei suoi primi dieci anni si è presentata con un nuovo logo rivisitato dal fumettista Lorenzo Ceccotti, spiega:

La forza di Play è proprio questo, offrire a tutta la famiglia la possibilità di scoprire la bellezza di stare insieme giocando. Il gioco qui diventa momento di socializzazione, di svago, d’intrattenimento, spesso con risvolti educativi.

Un compleanno speciale con una degna festa ed un numero di “invitati” impressionante che hanno potuto godere a pieno anche degli spazi esterni dedicati al cibo, ai gadget e ai giochi di ruolo dal vivo, mentre dentro – sugli oltre 22 mila metri quadrati di superficie occupata dai 5 padiglioni – il mondo del gioco si metteva in mostra con tutte le sue sfaccettature: migliaia di giochi in scatola da provare e comprare, autori e disegnatori pronti a firmare copie d’eccezione (come Fabio Civitelli, matita storica di Tex Willer), i pezzi unici realizzati in legno dal toscano Piero Santoni, le trottole dell’associazione il Tarlo per “giocare insieme senza un pizzico di elettricità” con la pista più lunga d’Italia, la guida delle monoposto e i combattimenti in realtà virtuale, i giochi di ruolo dal vivo, le tecniche per costruire e dipingere modellini. E poi gli stand con miniature e action figure, gadget dei personaggi dei fumetti e dell’intramontabile Harry Potter, flipper e bigliardini con uno speciale oversize per una sfida sette contro sette.

Il programma di domani

Si replica domani – domenica 8 aprile – con cancelli aperti dalle 9 alle 19 per un’altra giornata all’insegna del motto storico di Play “Entra. Scegli. Gioca” e un ricco programma di eventi ed appuntamenti, a partire dalla mattina. Alle 10 “Art@Play” consentirà di incontrare gli illustratori del mondo del gioco, alle 10 e 30 nello spazio Ikea approfondimento sui progetti di gioco per bambini, alle 11 incontro tra le varie associazioni italiane dei giochi di ruolo con possibilità nel corso del pomeriggio di osservare dal vivo questa affascinante realtà ludica o approfondirne il valore terapeutico e formativo con gli esperti (“Entrare in un ruolo, scoprire una identità”, ore 13 e 30). Anche nel pomeriggio un ricco carnet con la premiazione dei modellini più belli, il cortometraggio sul gioco Hex, che venne presentato per la prima volta da Piet Hein durante una lezione di matematica all’Istituto di Fisica Teorica nel 1942 il corso di Enigmistica, la premiazione dei tornei di gioco di ruolo di Play.

Fonte: Play-Modena.it

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...