E3 2018: ecco il recap delle conferenze

L’Entertainment Electronic Expo non ricopre più la stessa importanza che in passato: quando internet non era ancora la forma preponderante di comunicazione, era difficile immaginare che si potessero comunicare le informazioni necessarie istantaneamente.
L’E3 condensava un gargantuesco quantitativo di novità, tutte di grandissimo rilievo nell’ambito videoludico; oggi, invece le aziende più grandi cercano di non sparare tutte le cartucce nel serbatoio, diluendole su più eventi.

È emblematica la politica di Nintendo, che quest’anno si è focalizzata sull’annunciare e mostrare videogiochi che usciranno entro la fine dell’anno fiscale (fine Marzo 2019), mostrandoci i trailer del coloratissimo Daemon X Machina,  gioco di combattimenti tra mecha diretto da Kenichi Tsukuda (Armored Core II e III), Super Mario Party ultimo capitolo della famosissima serie di Party Games della casa di Kyoto che quest’anno consente di far giocare i giocatori facendo collegare due schermi di Nintendo Switch, il nuovo Fire Emblem: Three Houses che pare introdurre dei cambiamenti sostanziali per quanto riguarda le battaglie.

Fanno la loro comparsa anche il DLC di Xenoblade Chronicles 2 con il sottotitolo di Torna: The Golden Country, prequel ambientato nel contintente della Torna ed in uscita il 14 Settembre ed Octopath Traveler, l’rpg di Square-Enix che sarà disponibile il 13 Luglio.
Inoltre, Nintendo ha annunciato la data di uscita di Pokémon: Let’s Go Pikachu / Let’s Go Eevee  per il 16 novembre, affermando anche che all’interno della Pokéball Plus sarà presente Mew.
Il Direct però si è concentrato su Super Smash Bros: Ultimate, ultima iterazione del crossover Nintendo che porta tutti i personaggi della serie all’interno di un singolo titolo, rovinando il ritmo della conferenza.
Del nuovo capitolo del picchiaduro Nintendo  conosciamo praticamente tutto: dal numero di lottatori, passando per le mosse e le arene fino ad arrivare ad alcuni costumi aggiuntivi per i personaggi.
La cosa del tutto assurda è che anche al Treehouse Nintendo sta mostrando il picchiaduro di Mario e soci, rendendo sufficientemente inopportuno tutto il tempo dedicato a Smash Bros. nel Direct.

Super Smash Bros. Ultimate arriverà nei negozi il 7 dicembre 2018.

Se la conferenza Nintendo è stata un po’ amara, vista l’assenza di titoli come Shin Megami Tensei V e (comprensibilmente) di Metroid Prime IV unito ad un ritmo non proprio entusiasmante, quella EA non è stata da meno.
Spettacolo agli antipodi rispetto a quello Nintendo, Electronic Arts ci ha intrattenuto con molte chiacchiere riguardo a nuovi contenuti di Star wars Battlefront II e al nuovo Star Wars: Jedi Fallen Order sviluppato dai ragazzi di Respawn Entertainment e mostrandoci il trailer della campagna di Battlefield V, ambientato nella seconda guerra mondiale: hanno inoltre annunciato che questo episodio della saga avrà una modalità multiplayer Battle Royale.
Lo show di EA ci ha anche mostrato Unravel Two. seguito del titolo omonimo uscito nel 2016, disponibile sui vari store di PC e console subito dopo la fine della conferenza.
Ci mostrano anche un nuovo interessantissimo indie sotto l’egidia degli EA Originals: Sea of Solitude, che pare promettere molto bene.


Il mondo del gioco Mobile ha avuto spazio durante la conferenza di Electronic Arts, che ha mostrato il nuovo titolo dedicato a Command & Conquer: Rivals che sarà giocabile su dispositivi iOS e Android: se volete provarlo, sul Play Store di Google è presente la beta del gioco.
Novità anche sul fronte dei servizi: è stato illustrato Origin Access Premier, sistema di cloud gaming che consente agli abbonati di usufruire di tutta la libreria di giochi presenti in Origin, lo shop digitale di EA concorrente di Steam.
La conferenza si conclude con un trailer di Anthem, titolo sviluppato da Bioware in cui si è approfondito il gameplay del titolo, basato sulla cooperazione di 4 giocatori: sono state anche illustrate le quattro classi principali: il Ranger predilige gli scontri uno contro uno e possiede un’ottima mobilità, il Colosso ovvero il classico “Tank” in grado di utilizzare armi pesanti, l’interceptor che predilige le azioni stealth e lo storm, una classe che può essere paragonata all’esperienza che si otterrebbe giocando in altri titoli come un mago.


Anthem sarà disponibile dal 22 febbraio 2019 su PS4, Xbox One e PC.

La conferenza di Bethesda ha mostrato un nuovo trailer di Fallout ’76, confermando che l’esperienza del titolo sarà prevalentemente online.
Il gioco sarà disponibile il 14 Novembre per PC, PS4 e Xbox One.
Annunciato anche il sequel del Reboot di Doom, ovvero DooM Eternal, di cui però non è stato mostrato alcun gameplay: situazione diversa per quanto riguarda  Rage 2, dove è stata mostrata la prima missione del gioco: peccato non sapere ancora la data d’uscita del gioco, che promette veramente molto bene.

Bethesda ha annunciato anche una nuova IP, Starfield di cui però si conosce ancora molto poco: si parla di un’uscita nel 2019 inoltrato, di conseguenza la Software House ha tutto il tempo necessario per rilasciare nuovi dettagli.
Hanno anche annunciato The Elder of Scrolls: Blades, RPG in prima persona per dispositivi iOS e Android che prevede tre modalità di gioco: Town, Abyss (una sorta di survival mode, dove si va avanti finché non si muore) ed Arena (modalità di incontri 1 contro 1).
La società di Rockville ha fatto tremare tutto con il Teaser trailer di The Elder of Scroll VI, ma non ha rilasciato alcuna informazione riguardo al gioco: probabilmente il team di Bethesda sta ancora nelle prime fasi dello sviluppo del titolo.
Non mancano novità anche sul fronte dei DLC: è stato annunciato Mooncrash, il primo DLC di Prey, che comprende la modalità online Typhon Hunter: quattro giocatori avranno la possibilità di mutare il proprio aspetto per nascondersi da un quinto che dovrà trovarli.
Bethesda pensa anche al supporto a Wolfenstein II: the New Colossus rilasciando Youngblood un dlc che inserisce una modalità co-op ed aggiunge un plot che si focalizzerà sulla collaborazione delle figlie di Terror Billy, alle prese con l’esercito nazista che, in una realtà alternativa, ha messo sotto assedio la Parigi degli anni ’80.

Microsoft quest’anno ha tirato fuori le unghie, molti gli annunci e tutti molto succosi: la conferenza parte subito mostrando uno dei brand che caratterizzano Xbox sin dalla sua prima versione: Halo.
La nuova iterazione della saga di Master Chief, intittolata Halo:infinite, sesto capitolo della serie.
Il trailer però non ci mostra nulla riguardo al nuovo titolo, ad eccezion fatta delle potenzialità del nuovo motore grafico del titolo, ovvero Slip Space
Si passa poi a mostrare lo splendido Ori and the Will of Wisp  che si è mostrato con un graditissimo gameplay trailer.
Crackdown 3 si è mostrato in forma decisamente migliore rispetto al passato, anche se non riuscirà a mantenere alle promesse che microsoft ci ha fatto all’annuncio del titolo.
Microsoft mostra anche Gears of Wars:Tactics e lo strabiliante Gears of Wars 5 che ci vedrà nei panni dell’apprezatissima Keith.
Forza Horizon 4 ci delizia portandoci in Inghilterra ed introducendo meteo e stagioni dinamiche, un mondo condiviso per tutti i giocatori e una distruttibilità ambientale migliorata rispetto alle precedenti iterazioni della serie.
Annunciato anche un nuovo Battletoads, storico titolo di Rare, ma di cui non si sa attualmente nulla.
Si è passato poi a mostrare le esclusive temporali, come il DLC di Cuphead (che uscirà anche su PS4) o Session, un gioco di Skateboarding molto simile alla serie EA Skate.
Ma non è finita qui: le terze parti presenti nella conferenza di Microsoft sono molte e meritano quasi tutte una menzione, in particolare Devil May Cry 5 che ci vedrà di nuovo nei panni di Nero in un ambientazione cittadina nuova per la serie e Sekiro: Shadows Dies Twice, titolo di From Software che, per le meccaniche di gioco mostrate all’interno del trailer, ricorda molto Tenchu, ma ambientato in un Giappone Feudale pesantemente influenzato dalla cupezza che permea il mondo dei Souls e di Bloodborne.


Non sono mancati poi giochi come Nier: Automata che sbarcheranno per la prima volta su Xbox One.
La conferenza Microsoft chiude mostrando un trailer che ha mandato in solluchero i fan di CD Projekt Red: Cyberpunk 2077.

Lo show messo in scena da Square Enix risulta essere molto soddisfacente: un titolo sicuramente degno di menzione è  Shadow of the Tomb Raider, sequel dell’omonima serie che, come si è evinto dal trailer, pare avere un orientamento verso lo stealth più marcato rispetto ai capitoli precedenti.
Square Enix ha dedicato un breve trailer per Dragon Quest XI: Echi di un’Era Perdut, in uscita il 4 settembre per PS4 e PC.

La casa giapponese inoltre ha annunciato una nuova IP: Babylon’s Fall, di cui attualmente non si conosce nulla se non che è in sviluppo presso Platinum Games.
Degna di menzione è anche l’altra nuova IP di Square-Enix, The Quiet Man, di cui speriamo sapere qualche dettaglio in più a breve.


Immancabile la presenza di Kingdom Hearts 3, che si mostra con un nuovo trailer: ricordiamo che il titolo uscirà il 25 gennaio 2019 nei negozi giapponesi ed in America ed Europa il 29 dello stesso mese.

Anche Ubisoft era presente all’E3 ed ha mostrato tutti i suoi titoli di punta per la fine del 2018/ inizio del 2019: hanno mostrato un trailer di Assassin’s Creed Odyssey, ambientato in Grecia che non ci ha convinto a sufficienza.


Ci sono stati trailer dedicati anche a The Division 2, ai DLC di For Honor e Mario Rabbids e all’open beta di the crew 2, ma finalmente è stato rilasciato anche un trailer di Beyond Good & Evil 2, annunciando anche Space Monkey, programma per contribuire allo sviluppo rivolto al pubblico.


La sorpresa inaspettata della conferenza Ubisoft è stata Starlink: a giudicare dal trailer, il titolo sarebbe uno shooter games ‘a la StarFox con la possibilità di personalizzare la propria navicella.
Il gioco, disponibile dal 16 Ottobre su PS4, PC, Xbox One e Switch vanterà su quest’ultima console la possibiltà in esclusiva di utilizzare Fox McCloud.

Passiamo ora alla conferenza Sony, che ci ha dimostrato di aver mantenuto le promesse fatte nell’anno passato, focalizzandosi sulla qualità piuttosto che sulla quantità dei titoli presentati (stranamente assenti infatti Shenmue 3 e il remake/remaster di Medievil).
La conferenza di Sony era sicuramente una di quelle più attese di tutto l’E3: le voci si rincorrevano su eventuali gameplay di Death Stranding e ulteriori dettagli di The Last of Us II.
La compagnia nipponica non ha deluso le aspettative: come solito di Kojima, il trailer di Death Stranding è stato molto criptico anche sul mostrare il gameplay, di cui abbiamo potuto saggiare una piccola parte mentre si trasportano pacchi, ed una piccolissima fase stealth.
Il trailer di The Last of us II è impresso nella nostra retina e non se ne vuole andare: già da questo piccola briciola concessaci da Naughty Dog si è potuta notare la grandissima influenza cinematografica dell’opera: sicuramente, come il predecessore, segnerà nuove vette per quanto riguarda la simbiosi tra il mondo delle pellicole e il videogioco.
Senza farci riprendere fiato, Sony ha immediatamente mostrato lo splendido trailer di Ghost of Tsushima, nuova fatica di Sucker Punch che ci porta nell’epoca Kamakura Giapponese.
Il trailer ci fa vedere un Giappone in piena invasione degli Unni: molto evocativa l’ambientazione del titolo.


Rimanendo sempre in setting molto simili, Koei-Tecmo annuncia a sorpresa Ni-Oh 2, di cui possiamo assistere ad un breve video di presentazione: pare che il nuovo protagonista possa trasformasi in un Oni, andando a scatenare la sua furia sugli avversari.

Nessuno avrebbe mai creduto che Resident Evil 2 facesse una comparsa con un trailer così di impatto sul palco Sony: come si evince dalle scene mostrate, la visuale di gioco è spostata alle spalle di Leon Kennedy ed il character design risulta essere un po’ diverso rispetto a quello dell’originale.
Fortunatmente, niente di tutto questo pare intaccare la splendida atmosfera del titolo originale.


Spiderman di Insomniac Games torna a mostrarsi con un gameplay trailer ben realizzato e confezionato che ci presenta alcuni nemici del tessiragnatele come Electro, lo Scorpione, Rhino e l’Avvoltoio in quella che pare essere una fuga dal carcere.

Le sequenze di gioco più spettacolari però, sembrano molto scriptate, ma aspettiamo comunque maggiori dettagli prima di giudicare il titolo, che pare comunque promettere benissimo.
Nel palco di Sony, Remedy ha presentato Control, IP molto simile al loro precedente lavoro, Quantum Break.
Menzione d’onore per la conferenza della casa giapponese va a Trover Saves the Universe creato da Justin Roiland, lo scrittore di Rick & Morty.

Divertentissima al solito la conferenza Devolver che vi consiglio caldamente di guardare: per quanto riguarda i giochi il publisher ha annunciato un survival di nome SCUMM, il fuori di testa My Friend Pedro e la remastered del gioco From Software per la prima xbox Metal Wolf Chaos: ma non vorremo dirvi di più, guardate qui sotto il loro spettacolare show!

Pacione Bosconovitch

Pacione Bosconovitch è un losco figuro appartenente all'anonimo mondo del web. Ama parlare di videogiochi, sia vecchi che nuovi, ed ama viaggiare.

Potrebbero interessarti anche...