C4 Classifica: 10 supereroi con il potere di rimpicciolirsi

Quando penso a delle persone miniaturizzate, i ricordi mi portano istantaneamente al mitico film degli anni ’60 “Viaggio allucinante”, ispirato all’omonimo romanzo dell’incomparabile prof. Isaac Asimov.
La trama parla di un gruppo di scienziati/avventurieri, che dopo esser stati ridotti a dimensioni microscopiche, partono per un viaggio nel corpo di un uomo con la missione di salvarlo da un’embolia cerebrale.

Ma nei comics, supereroi con il potere di ridurre le proprie dimensioni già c’erano, ecco la classifica di 10 personaggi dei fumetti che si rimpiccioliscono.

10 Colossal Boy (Micro Lad) – DC Comics

Iniziamo subito con l’eroe più atipico che detiene questo potere.
Il giovane membro della Legione dei Supereroi, Gim Allon, è un gigante con il potere di rimpicciolirsi fino all’altezza di circa un metro e ottanta ed è per questo motivo che nessuno gli crede quando dice di chiamarsi Micro Lad!
Per amor di cronaca devo ricordare che questa è solo una delle tante versioni del Legionario del XXXI secolo, secondo me è la più interessante e prima o poi ritornerà in auge.

Lettura consigliata: Legione dei super-eroi #1-4, Planeta DeAgostini

Credits: Barry Kitson

9 Ms Marvel – Marvel Comics

Kamala Khan è un personaggio relativamente nuovo nell’universo Marvel, ma non di meno è meno conosciuta.
Il successo della nuova Ms Marvel è stato immediato sia tra il pubblico che la critica, tanto che è diventata ben presto un membro degli Avengers prima e ha fondato poi con altri adolescenti in costume il nuovo (?) gruppo di eroi chiamato: the Champions.
Lei è un’inumana con il potere di cambiare e trasformare il corpo a piacimento, quindi può anche diventare piccolina come un insetto. In effetti quello di rimpicciolirsi non è proprio il suo solo potere…

Lettura consigliata: Ms. Marvel, vol 1: Fuori dalla norma – Panini Comics

Credits: Takeshi Miyazawa

8 Shrinking Violet – DC Comics

Ecco un’altra Legionaria del XXXI secolo.
Lei però, può diventare veramente piccola, fino a raggiungere addirittura grandezze atomiche. Il suo vero nome è Salu Digby e ha una passione smodata per le uniformi di colore viola o meglio violetto, è nata su piccolissimo pianeta chiamato Imsk e lì tutti hanno la capacità di rimpicciolirsi a piacere, così un giorno ha deciso di mettere questo particolare potere al servizio del prossimo unendosi alla Legione dei Supereroi.

Lettura consigliata: Legione dei super-eroi #1-4, Planeta DeAgostini

Credits: Barry Kitson

7 Doll Man – DC Comics

Tradotto letteralmente: “l’uomo bambolotto”… È incredibile come in italiano alcuni nomi risultino terribilmente ridicoli!
Come suggerisce il suo nom de guerre, ha il potere di diventare piccolo come un bambolotto e per non deludere tutti i fan di Barbie e Ken, Doll Man ha anche un’amica: Doll Girl!
Devono ancora decidere se chiedere a Babbo Natale la casa o il camper di Barbie.
Comunque una cosa buona questo supereroe ce l’ha, è stato creato dal genio fumettistico Will Eisner (anche i migliori hanno a volte una giornata No).

Credits: Al Bryant

6 Elasti-Girl – DC Comics

Con il nome di Elasti-Girl uno si aspetta un potere un po’ più… elastico! Tipo quello di Mr. Fantastic e di Elongated Man e invece questa supereroina ha la capacità di diventare piccola raggiungendo pochi centimetri di altezza fino a crescere alta come un grattacielo.
Il suo potere, inizialmente fuori controllo, l’ha rilegata a reietta della società, così ha deciso di unirsi ad altri emarginati con superpoteri: la Doom Patrol. E sarà proprio in missione con loro che sacrificherà la vita per salvarne altre, ma non vi preoccupate: nei comics la morte non è per sempre, lei, infatti è tornata in azione.

Lettura consigliata: Dc Essential # 3, Doom Patrol, vol. 1 – RW Edizioni

5 Bumblebee – DC Comics

No no, non stiamo parlando del famoso Transformer membro degli Autobot.
Lei è una ragazza che grazie ad un costume speciale potenziato dai raggi solari può diventare piccola come un’ape (in realtà Bumblebee vuol dire Bombo… ma a parte qualche entomologo vi sfido a sapere cos’è!) e proprio come un insetto può volare e ha un pungiglione. (Vi ricorda nessuno? Alzi la mano chi sta a pensando a Wasp degli Avengers!)

Lettura consigliata: in realtà nessuna…
comunque la trovate da “Titans” vol.2 #9 in poi, in Italia su Justice League #73 – RW Edizioni

Credits: Brett Booth

4 Il Calabrone – Marvel Comics

Rimaniamo in tema insetti. Il Calabrone è uno dei numerosi alter ego ideati da Hank Pym: genio indiscusso del Marvel universe.
Dimenticatevi il buono e “giusto” Michael Douglas del film “Ant-Man”, l’Hank Pym dei comics è molto diverso!
A causa del suo delicato equilibrio mentale è stato più volte l’anello debole degli Avengers, in realtà vorrebbe fare del bene, ma si sa che: “La strada per l’inferno è lastricata dalle buone intenzioni”. E così accade che il buon dottore ha creato Ultron: l’intelligenza artificiale più pericolosa mai esistita per il genere umano (confusi? Nei fumetti non sono stati Tony Stark e Bruce Banner a dar vita all’androide con la passione per il genocidio).
E poi c’è la macchia più grande sulla sua carriera, non importa quante volte salverà la Terra o l’universo intero, i lettori lo ricorderanno sempre per quel manrovescio che ha steso la moglie Janet Van Dyne, meglio conosciuta come Wasp! (Primo e serio episodio di violenza domestica in un comic book di supereroi)

Letture consigliate: (Marvel Omnibus # 5) Avengers: Il processo di Hank Pym e (Marvel Omnibus # 11) Vendicatori per sempre – Panini Comics

3 Wasp – Marvel Comics

Andiamo avanti con gli insetti: Janet Van Dyne la bella e intelligente “Vespa” è stata la prima supereroina dei fumetti ad avere questi poteri, la sua carriera è lunghissima, dopo aver fondato gli Avengers assieme ad Hulk, Iron Man, Ant-Man (Hank Pym) e Thor, ne è diventata per un lungo periodo anche il capo.
La sua vera passione è la moda e questo giustifica il suo continuo cambiare tuta da combattimento, pare che ne abbia realizzate più di 100!
Come a volte accade, quello che viene mostrato nei film Marvel Studios non rispecchia la storia nei comics, l’eroina che vedremo sul grande schermo è Nadia Pym e non Janet Van Dyne che utilizza questo alter ego dagli anni ’60. Ma niente paura: per non confondere eventuali nuovi lettori, la Casa delle Idee l’ha mandata in pensione rimpiazzandola appunto con una ragazza molto più giovane figlia del dott. Pym.

Lettura consigliata: (Marvel History # 15) Avengers di Busiek, vol 4: La dinastia di Kang – Panini Comics

Credits: Milo Manara

2 Atom – DC Comics

In assoluto il primo supereroe dei fumetti ad avere la capacità di diventare piccolo piccolo. Nel suo caso parliamo proprio di grandezze subatomiche. Si chiama Ray Palmer e a questo nome i fan della serie TV “Arrow” potrebbero pensare di conoscerlo, ma in realtà il personaggio è molto lontano dall’industriale in armatura che svolazza per i grattacieli di Starling City, (che sembra una brutta copia di Iron Man). Atom è molto di più: professore universitario esperto nel combattimento corpo a corpo (sorpresi? Pensate che un professore non possa prendere lezioni di Krav Maga?) ha scoperto un modo per avere pieno controllo degli atomi del suo corpo, cambiandone la densità e le dimensioni. Questo gli ha permesso di esplorare l’universo subatomico, di viaggiare fra le dimensioni scivolando attraverso i quanti, ma anche cose più fighe tipo cavalcare una rana o gli elettroni nel filo del telefono…

Lettura consigliata: Crisi d’identità – RW Edizioni

Credits: Alex Ross

1 Ant-Man – Marvel Comics

E siamo arrivati alla star di questa classifica: Scott Lang non è il classico supereroe che non sbaglia un colpo anzi! La sua carriera nei comics è iniziata dal lato sbagliato della legge.
Sua figlia è malata e lui ha bisogni di contanti per farla curare, tenta di rubare la tuta di Ant-Man ad Hank Pym, ma fallisce nell’impresa, pagato il suo debito con la società, è lo stesso Hank che gli consegna la tuta creando de facto un nuovo supereroe.
Scott non è un super soldato, non è uno scienziato e nemmeno un professore. È un uomo comune e un padre che mette a disposizione il suo eroismo per aiutare gli altri.
Che cavalca le formiche volanti e fa molte altre cose pazzesche con i suoi poteri già lo sapete dal primo film, ma forse ignorate che è stato a capo di una incarnazione dei Fantastici Quattro, che ha riempito di botte il Dottor Destino, che una volta è morto e poi è risorto, che la figlia ha intrapreso la carriera del padre con il nome in codice “Stature” e che poi è morta e risorta anche lei.

Letture consigliate: (Marvel Heroes) Ant-Man #1-3 e (Fantastici Quattro #345-360) FF vol.2- Panini Comics

Credits: David Marquez

Marcello Davide De Negri

L'autore è Marcello Davide De Negri, figlio degli anni '80, cresciuto a pane e fumetti. La sua grande passione sono i supereroi e ci sono ben poche cose che sfuggono alla sua conoscenza quasi maniacale dell'argomento.

Potrebbero interessarti anche...