Ride – Il gioco del custode: Mondadori pubblica il libro di Adriano Barone, spin-off del film in uscita

Adriano Barone
Ride – Il gioco del custode

Un thriller paranoico tra Philip K. Dick e “Lost”, ambientato nell’universo del film Ride, in tutti i cinema a settembre, di cui questo libro è uno spin-off.

Joe trascorre le sue giornate a pulire le gabbie dei ratti impiegati per esperimenti scientifici in università. Un lavoro di routine, l’unica certezza in una vita altrimenti disastrata, complice un difficile rapporto con la moglie, che lo ritiene responsabile della ferita più grande di tutte: la scomparsa della figlia Angela. E così, quando inaspettatamente

viene licenziato, Joe sprofonda presto nella disperazione più cupa. Finché la misteriosa Black Babylon lo convoca a un colloquio per un impiego da custode. Il processo di selezione è surreale, il lavoro persino più inquietante. In un crescendo di follia, Joe dovrà misurarsi con i suoi limiti, le sue paure e le sue decisioni passate, e rispondere alla domanda che si è sempre rifiutato di affrontare: eseguire gli ordini o interferire? Qual è la cosa giusta da fare?

Ambientato nell’universo del film Ride ma anche completamente autonomo, Ride – Il gioco del Custode è un thriller paranoico tra Philip K. Dick e Lost.

Adriano Barone è nato a Rho nel 1976. È autore dei graphic novel L’era dei Titani, Tipologie di un amore fantasma, Bugs – Gli insetti dentro di me e Warhol – L’intervista (da cui ha tratto anche una commedia teatrale) e dell’adattamento a fumetti del romanzo Uno indiviso di Alcide Pierantozzi, per cui ha vinto il Premio Boscarato 2014 nella categoria “Miglior sceneggiatore italiano”. È stato finalista al Premio MIMC della Kodansha e in coppia con Massimo Dall’Oglio (con lo pseudonimo Hagane Ishi) due volte tra i vincitori del concorso internazionale di manga SMA. Ha scritto la raccolta di racconti Carni (e)strane(e) e i romanzi Il ghigno di Arlecchino (finalista al Premio Italia come miglior romanzo fantasy) e Zentropia. Sceneggiatore di cartoni animati, corti e lungometraggi, attualmente sceneggia Nathan Never e Zagor per Sergio Bonelli Editore.

In libreria dal 4 settembre 2018
252 pagine, 18 euro

Fonte: Mondadori.it

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...