Canicola Edizioni: ecco le prossime pubblicazioni e gli eventi collegati

Ecco le prossime pubblicazioni Canicola Edizioni e gli eventi collegati

Il 12 ottobre a Milano presso la sede del Corriere della Sera in occasione dei Brera Design Week 2018 si terrà una mostra “Tramezzino. Intermezzo amoroso a Milano”, mostra dedicata al nuovo libro di grande formato di Paolo Bacilieri, che sarà in libreria a novembre. Paolo sarà anche tra gli ospiti della nuova edizione di BilBolBul 2018 per un incontro su architettura e fumetto.

Una dichiarazione d’amore a fumetti a Milano attraverso una breve vicenda sentimentale, tra architetture straordinarie, edifici simbolici, e l’inventiva degli architetti che le hanno ideate come BBPR, Giò Ponti, Luigi Caccia Dominioni, Vico Magistretti.

In occasione di Brera Design Days 2018 un progetto espositivo e una pubblicazione offrono una sguardo insolito su Milano da parte di uno degli autori più amati del fumetto italiano, pluripremiato ai Gran Guinigi di Lucca Comics & Games e candidato agli americani Eisner Awards 2018, Paolo Bacilieri.

Una mostra di originali e una pubblicazione di grande formato per la singolare Collana Sudaca di Canicola edizioni che ha già previsto progetti espositivi ed editoriali come questo con gallerie d’arte o Musei come il Centre d’Art Contemporain di Ginevra e il Kiasma di Helsinki.

Tramezzino di Paolo Bacilieri è una storia che si svolge nella Milano contemporanea, quella del 2011 per l’esattezza. Una semplice vicenda d’amore che nasce, si svolge e si conclude nella città lombarda, tra i suoi edifici del centro e della periferia. Una relazione breve, intensa, non particolarmente drammatica, anzi quasi normale.

Tramezzino è una storia d’amore all’ombra della Torre Velasca, tra due giovani come tanti, ignari della smisurata quantità di cose che devono necessariamente andare bene affinché, anche una piccola storia d’amore, possa andare.

Sullo sfondo di una Milano protagonista attraverso le sue magnifiche architetture, una storia d’amore passionale tra un figlio della borghesia meneghina e una ragazza bellissima, figlia di intellettuali greci, e studentessa di design. Daddo e Skilla si conoscono al politecnico di Milano e la loro storia è “un amoroso combattimento onirico”, tra desiderio e paura di vero coinvolgimento. Una storia d’amore straordinaria e intensa, un intermezzo amoroso senza particolari drammi. Un tributo e una dichiarazione sincera dell’autore per Milano, le sue strade, le sue architetture, i suoi abitanti e la sua anima che lui ha definito “una città complicata, meschina, eroica, fredda, vigliacca, tenera e… Meravigliosa”.

Tramezzino di Paolo Bacilieri è una storia che si svolge nella Milano contemporanea. Una semplice vicenda d’amore che nasce, si svolge e si conclude nella città lombarda, tra i suoi edifici del centro e della periferia. Una relazione breve, intensa, non particolarmente drammatica, anzi quasi normale. Tramezzino è una storia d’amore all’ombra della Torre Velasca, tra due giovani come tanti, ignari della smisurata quantità di cose che devono necessariamente andare bene affinché, anche una piccola storia d’amore, possa andare.

L’esposizione Tramezzino. Intermezzo amoroso a Milano, a cura di Matteo Stefanelli, si terrà dal 12 al 14 Ottobre 2018 in occasione di Brera Design Days presso la Sala Buzzati nella sede del Corriere della Sera (via Balzan, 3, orari dalle 14 alle 19.30). In mostra le trentadue tavole originali dell’opera, realizzate in matita azzurra e inchiostro di china su cartoncino, oltre a schizzi e studi preparatori.

Tramezzino
Canicola 2018
36 pagine, 30 x 40 cm, 17,00 euro
ISBN: 9788899524272

Paolo Bacilieri, classe 1965, è uno degli autori più noti e importanti del fumetto italiano. Autore di numerose graphic novel per Coconino press, Rizzoli, Casterman e molti altri editori è tra i disegnatori contemporanei più amati di Sergio Bonelli Editore. I suoi ultimi libri sono e Sweet Salgari (2012), Fun (2014) e More Fun (2016) per Coconino press, Palla (2017) per Hollow Press.  Vive a Milano.

È invece in libreria per la collana dedicata all’infanzia il nuovo libro di Cristina Portolano, Io sono mare. È un libro che crediamo importante, perché pone attenzione  sulle tematiche di genere in maniera delicata e accessibile per un pubblico di lettori più giovani. Il libro è stato sostenuto da un crowdfunding che si è tenuto a giugno e appoggiato dalla rete dei festival (Gender Bender, TCBF, BeComics! e Comicon). Stiamo lavorando con molta dedizione alla promozione del libro e del suo messaggio con la promozione di attività pedagogiche a diversi livelli, tra fare e promozione delle lettura.

Un viaggio intenso quanto un sogno di una bambina che ha voglia di scoprire. Un’opera evocativa per riflettere sulle tematiche dell’identità e della scoperta di sé, sui desideri e sulle emozioni in un’ottica di valorizzazione delle differenze.

Io sono mare è il quarto volume della collana editoriale Dino Buzzati dedicata al fumetto per l’infanzia, a partire dai cinque anni. La collana si struttura intorno a opere inedite di autori contemporanei dal forte immaginario e dallo stile ogni volta diversamente ricco, e di recente si è aggiudicata il Premio Boscarato per La mela mascherata di Martoz come Miglior fumetto per bambini del 2017 e come Miglior fumetto per bambini del 2018 per I gioielli di Elsa di Sarah Mazzetti, candidato anche al Premio Gran Guinigi di Lucca Comics & Games.

Dopo le indagini su sé e sulle relazioni in Quasi signorina (Topipittori, 2016) e Non so chi sei (Rizzoli Lizard, 2017), Cristina Portolano affronta il fantastico con una storia che esplora la sfera delle emozioni, la scoperta della propria nudità, la paura e l’attrazione per ciò che è “diverso da noi”. Attraverso gli occhi di una bambina e del suo amico Franky, un pesce pagliaccio antropomorfo, ci immergiamo nella profondità di un oceano immaginario, dove tra anemoni che possono fare male e anfiprioni in trasformazione, cresciamo insieme alla piccola Mare, in un racconto che intreccia Ponyo di Miyazaki, ma in direzione contraria, dalla terra verso l’acqua.

Io sono mare offre spunti possibili per una riflessione più ampia sulla cultura della non discriminazione, diventando utile strumento di mediazione tra il bambino e l’adulto e per la comunità educante, oltre che accrescere e arricchire l’immaginario visivo dei lettori di tutte le età. La forza narrativa di Cristina Portolano prende forma in un racconto che avvolge, il segno morbido e un uso del linguaggio fumetto fluido e diretto riesce a parlare anche ai più piccoli. Dalla scuola di Hergé, con la sua ligne claire, l’autrice accompagna chi legge in un luogo intimo e profondo alla scoperta di se stessi.

Il libro Io sono mare di Cristina Portolano fa parte del progetto “Dalla parte delle bambine” curato da Canicola e sostenuto da: Comune di Bologna – Pari Opportunità e Tutela delle Differenze; Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna; Biblioteca Italiana delle Donne di Bologna; la rete dei festival Gender Bender, TCBF, Be Comics, Comicon; e i donatori del crowdfunding.

Io sono mare sarà ospite di eventi a Bologna e su territorio nazionale.

Bologna
In occasione di Gender Bender:

– MAMbo, Museo d’Arte Moderna – dipartimento educativo, dal 27 ott – 2 dic 2018
Mostra Io sono Mare, di Cristina Portolano a cura di Canicola
Inaugurazione 26 ottobre ore 18.

– Libreria delle Donne di Bologna, martedì 30 ottobre h 18.30
Incontro con Cristina Portolano, conduce Giulia Selmi. In collaborazione con Il progetto Alice.

–  Cineteca – Schermi & Lavagne – Cinnoteca, sabato 3 novembre ore 16
Laboratorio di fumetto con l’autrice per bambini e bambine.

In occasione del Festival La violenza illustrata:
– Biblioteca Italiana delle Donne, martedì 14 novembre ore 17
Io sono mare, e tu? Laboratorio di fumetto con Cristina Portolano rivolto a bambine e bambini.

In occasione di Bilbolbul festival di fumetto
– Biblioteca Sala Borsa , sabato 24 novembre h 10.30
Laboratorio di fumetto con Cristina Portolano rivolto a bambine e bambini.

Cagliari
In occasione di Tuttestorie, festival letteratura per ragazzi dal 4 al 14 ottobre
– incontri e laboratori con l’autrice Cristina Portolano per ragazzi e adulti

Lucca
In occasione di Lucca Comics & Games, mercoledì 31 ottobre, giovedì 1 e venerdì 2 novembre
– Laboratori di fumetto con Cristina Portolano per bambini e bambine.

Cristina Portolano, autrice amata da un pubblico di lettori sempre più ampio, esordisce nel mondo del fumetto con Quasi signorina (Topipittori, 2016) e il suo secondo libro Non so chi sei (Rizzoli Lizard, 2017) diventa in breve tempo un vero e proprio caso editoriale. Illustra la storia della partigiana Claudia Ruggerini nel volume Storie della buonanotte per bambine ribelli edito da Mondadori. Con Canicola pubblica Gioca con Mare, albetto-gioco a fumetti che precede Io sono mare.

Canicola bambini è un progetto che prevede attività pedagogiche e divulgative sul fumetto per bambini e adulti, libri a fumetti, mostre di autori, esposizioni e quaderni frutto dei laboratori.

In arrivo nei prossimi giorni anche Il grifone d’oro di Gianluca Ascione, un giovane talento dell’Accademia di Belle Arti di Bologna che riflette su Grindr e sul mondo emotivo delle applicazioni per appuntamenti attraverso la relazione omosessuale dei due protagonisti e sulla precarietà del contemporaneo. Anche Gianluca sarà ospite e protagonista di una mostra durante BilBolBul presso il Cassero di Bologna.

Per la collana dedicata al racconto breve, esordisce Gianluca Ascione,  giovanissimo nuovo talento del fumetto contemporaneo italiano. Il grifone d’oro è una storia che fotografa la complessità e la fugacità delle relazione legate alle app per incontri. Un racconto sincero che mostra le incertezze sentimentali di una generazione, dove affetto, sesso e ansia di socialità si mescolano e si capovolgono costantemente.

Il nuovo volume della collana Henry Darger, dedicata al racconto breve e agli autori giovani si arricchisce ulteriormente con Gianluca Ascione, dopo aver presentato Roberta Scomparsa, Francesco Saresin, Paolo Cattaneo, Dario Sostegni, Alice Socal e Alessandro Romeo.

La storia de Il grifone d’oro è uno sturm und drang pacato tra le notifiche di Grindr, in cui la relazione tra Gianni e Francesco si palesa come ricerca forsennata tra desiderio e sussistenza. Uno spaesamento emotivo dal movimento lento in una città ricostruita fedelmente. La Bologna del fuori sede Andrea Pazienza rivista in chiave Cartoon Network, e popolata da creature fantastiche. Un frullato psichedelico dove Inio Asano, Final Fantasy, Eichiro Oda stemperano i deliri e le ombre di Penthotal con la magia di Steven Universe.

Gianluca Ascione, Il grifone d’oro
20 pagine a colori, 17 x 24 cm, 2018
Collana Henry Darger
ISBN 9788899524296
8,00 euro

Gianluca Ascione è nato a Gemona del Friuli (UD). Fa parte del collettivo Gargantua con il quale ha realizzato Altrove (2018), ha vinto il premio Coop For Words sezione Fumetto nel 2016. Frequenta il corso di fumetto e illustrazione all’Accademia di belle arti di Bologna.

Infine Barcazza di Francesco Cattani, disponibile il libreria dal 11 ottobre. Un libro cult per l’editoria a fumetti indipendente che si apre a scoperte o riscoperte di senso attraverso una nuova edizione a colori. Francesco sarà il protagonista della prossima edizione del BilBolBul di cui ha curato anche la locandina ufficiale e che vedrà una sua mostra alla Pinacoteca Nazionale di Bologna tra gli eventi principali del festival.

Ritorna in libreria il graphic novel d’esordio del pluripremiato Cattani, in una nuova edizione a colori che dona alle tavole una nuova vitalità. Una storia lunga una giornata, una famiglia ritratta durante le vacanze estive, un voyeurismo discreto attorno un piccolo mondo che contiene i bisogni e gli istinti dei personaggi.

Dopo il Gran Premio 2018 al Romics per Luna del mattino (Coconino press) ritorna in una versione inedita a colori l’opera prima di Francesco Cattani, uno dei maggiori protagonisti del fumetto contemporaneo italiano, raffinato disegnatore anche per Mercurio Loi (Sergio Bonelli).

Romanzo culto del fumetto indipendente degli anni duemila, tradotto e apprezzato in Francia, Svizzera e Spagna, vincitore dei premi Micheluzzi e Nuove strade, Barcazza è stato definito come il migliore incontro tra la sospensione del cinema di Antonioni e la linea fragile di Mattotti.

L’atmosfera rarefatta, una luce abbacinante, un paesaggio che fonde la natura con l’uomo, sono il teatro dove le intimità di una giovane coppia, di una zia divorziata e di alcuni adolescenti, prendono corpo quasi sospese dalla realtà, in un’apparente immobilità, dove ogni volontà si scontra con le altre modificando costantemente il corso della storia.

Un “reportage semplice” – come lo ha definito l’autore –  dove la macchina da presa si intrufola tra i protagonisti senza filtri e prende forma con uno stile elegante che ricorda il migliore cinema intimista, ora arricchito da colori che donano alla storia ulteriori aperture di senso senza mai tradire o compromettere la visione originale del suo autore.

“Penso che in certi casi non dire, celare, lasciar intuire possano raccontare molto meglio determinati stati d’animo evocando, e non spiegando” dice Cattani per poi prendere per mano il lettore verso una dimensione rarefatta, come solo i ricordi sanno essere.

Francesco Cattani, Barcazza
128 pagine, formato 15×21 cm
Collana Jason Molina
iSBN 9788899524258
16,00 euro

Francesco Cattani (Bologna, 1980) è un autore tra i più interessanti e versatili della sua generazione, capace di muoversi con disinvoltura tra fumetto d’autore e mainstream. Nel 2007 è tra i fondatori dell’etichetta indipendente Ernest, con cui pubblica i primi capitoli di Barcazza che lo portano al Premio Micheluzzi come Miglior storia breve (2008). Nel 2010 con Canicola pubblica il suo primo libro, una versione rivista e ampliata di Barcazza, considerato tra i migliori fumetti indipendenti di quel periodo tradotto in   francese (Atrabile, 2011) e spagnolo (Sinsentido, 2012). Negli anni successivi concentra il proprio lavoro sullo storyboarding e l’illustrazione e nel 2017, dopo un lungo silenzio, realizza Luna del mattino per Coconino press, con il quale si aggiudica l’anno successivo il Gran premio di Romics, e il Premio Micheluzzi come Miglior fumetto. Sempre nel 2018, con la sceneggiatura di Alessandro Bilotta, esordisce per Sergio Bonelli Editore su Mercurio Loi. Vive tra Bologna e Milano.

Canicola associazione culturale è nata a Bologna nel 2004. Attraverso un progetto editoriale di ricerca in ambito grafico e narrativo, esposizioni, workshop, presenza a festival, si occupa di fumetto contemporaneo e disegno. La produzione si concentra su una rivista a progetto e libri di autori italiani a cui si affianca la traduzione di autori inediti in Italia. Canicola fa rete culturale con le altre realtà internazionali affini e ha ricevuto per la sua attività diversi premi e riconoscimenti nazionali e all’estero.

Fonte: Canicola.net

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...