Roberto Renzi: è morto il papà di Tiramolla, ecco il ricordo del Museo del fumetto e della Fondazione Fossati

È morto Roberto Renzi, il papà di Akim e di Tiramolla,
socio fondatore della Fondazione Franco Fossati e sostenitore del Museo del fumetto

Un grande dolore per il fumetto italiano

Roberto Renzi ci ha lasciato il 23 ottobre al Centro Cardiologico Monzino. Nato a Codorago, provincia di Como, il 10 febbraio 1923, aveva 95 anni, vissuti in  prevalenza a Milano.

Giornalista apprezzato nel mondo milanese, è stato per diversi anni anche direttore del Circolo della Stampa. A diciannove anni, in pieno periodo di guerra, aveva cominciato a scrivere storie per i fumetti, continuando a ritmo serrato negli anni della Ricostruzione, lavorando per Edital, Da Passano, Tomasina, Alpe, creando numerosi personaggi con Augusto Pedrazza (soprattutto Akim, nel 1950, continuato per decenni principalmente in Francia), con Franco Bignotti, Francesco Paludetti e i tanti altri autori di un’epoca straordinaria, diventando amico di Leo Cimpellin, Lina Buffolente, con alcuni collaborando per creare storie per bambini e ragazzi, con tutti stabilendo un rapporto di stima e amicizia durato tutta la vita. Nell’agosto 1952 per la Alpe inventa Tiramolla, “figlio del caucciù e della colla“, all’interno di una storia di Cucciolo e Beppe per le edizioni Alpe, disegnato del ventitreenne Giorgio Rebuffi e continuato per oltre trent’anni insieme a Manberto (Umberto Manfrin), arricchendolo con altri personaggi come il maggiordomo Saetta o il nipotino Caucciù.

Dopo aver segnato in modo importante mezzo secolo del nostro immaginario collettivo, creando personaggi che hanno raggiunto milioni di lettori in Italia e in altri paesi europei, alla fine degli anni Novanta organizza momenti di incontro tra autori del mondo del Fumetto, dove si va configurando il progetto di un museo del fumetto a Milano. E’ il promotore di un’Accademia del Fumetto, una specie di Tavola Rotonda dove i Cavalieri del Fumetto sono autori come Antonio Terenghi, Tiberio Colantuoni, Egidio Gherlizza, Umberto Manfrin, Paolo Piffarerio (tutti grandi nomi oggi scomparsi), e illustratori come Giuseppe Festino e Luigi F. Bona, presidente di quella che nel 2000 è ancora un’associazione ma che nel 2007 diventerà la Fondazione Franco Fossati, con Roberto Renzi tra i soci Fondatori, presente a tutte le riunioni del Consiglio di indirizzo dell’ente, finché la salute e l’età glielo consentiranno. La prima configurazione di un museo, le modalità e gli scopi, nascono e si sviluppano in lunghe “chiacchierate” di lavoro appassionanti, che infondono nel progetto la sua energia e la sua esperienza: un sostegno primario per quello che sembra ancora un salto nel buio, ma si trasforma nel 2011 in una bella realtà: WOW spazio fumetto, museo del fumetto, dell’illustrazione e dell’immagine animata, nell’ex fabbrica Motta a Milano.

Per i tanti lettori, autori ed editori che amano il fumetto e creano ancora magici universi con attenzione e passione, la scomparsa di Roberto Renzi è la partenza di un caro amico. La Fondazione sente ancora maggiore, oggi, il dovere di continuare sulla sua traccia.

Luigi Bona
Direttore WOW spazio fumetto – Museo del fumetto di Milano
Presidente Fondazione Franco Fossati

Fonte: MuseoWOW.it

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...