Nerd Show 2019: oltre 30mila visitatori conquistati dalla cultura nerd

Nerd Show bilancio molto positivo per la 2a edizione

Oltre 30mila visitatori (+36% rispetto al 2018) conquistati dalla cultura nerd

La spettacolare manifestazione dedicata al fumetto ai videogames e alle star del web seduce appassionati e curiosi. Successo anche per le novità del Wrestling e dei giochi da tavolo.

Nerd: da nomignolo, non sempre benevolo, attribuito in passato a giovani secchioni occhialuti appassionati di tecnologia, a parola dal significato positivo che sintetizza un’identità culturale che ha “contaminato” moltissimi aspetti della vita quotidiana nell’ambito del cinema, della moda, della scienza e, naturalmente, della tecnologia.

La conferma, l’ennesima, di questo salto di qualità e del positivo contagio del resto del mondo arriva dall’eccezionale successo della seconda edizione di Nerd Show andata in scena sabato 9 e domenica 10 febbraio – nel Quartiere fieristico di Bologna.

In sole 48 ore hanno varcato i cancelli della fiera oltre 30.000 visitatori che hanno pacificamente animato i 24mila metri quadrati allestiti per l’occasione; un pubblico che abbraccia la fascia giovanile e quella delle famiglie, in cui spesso genitori e figli condividono passioni comuni.

Grazie alla ricca offerta di svago e divertimento – 200 ospiti, un palinsesto con 150 appuntamenti e oltre 60 ore complessive di spettacoli tra tornei di videogames, show musicali, workshop, proiezioni di cartoni animati giapponesi – per tutti è stato possibile immergersi nella cultura nerd e apprezzarne le mille caleidoscopiche sfaccettature.

A partire dall’area fumetti che ha ospitato la più frequentata Artist Alley mai allestita in Italia. Cento artisti, molti di fama internazionale come Geoff Darrow, vincitore di tre Eisner Award, e Lee Bermejo, autore e sceneggiatore del pluripremiato graphic novel “Noel”, che con abilità e fantasia hanno realizzato sketch e disegni per i loro ammiratori.

Seguitissimi anche gli Youtubers che si sono alternati sul palco: tra loro i Mates, il sodalizio oggi più seguito in Italia, che vantano oltre 10 milioni di iscritti. Bagni di folla anche per Cartoni Morti e applausi a scena aperta per LaSabri.

E poi ancora, padri e figli affiatatissimi alle prese con videogames di 30 anni fa, coi primi sistematicamente surclassati dai secondi; sfide tiratissime ai videogiochi di ultima generazione, giochi in realtà virtuale che rendono il singolo partecipante protagonista assoluto, cosplayer in ogni angolo, nei panni (letteralmente) dei loro personaggi preferiti, pronti a definire questa edizione del Nerd Show alla stregua del noto Comiket giapponese, la più grande manifestazione internazionale dedicata ai fumetti.

Ad essere apprezzati non sono stati però solo i grandi classici – fumetti, videogames e star del web – della cultura nerd. In tanti si sono infatti assiepati attorno al ring per seguire le spettacolari performance degli atleti del wrestling che per la prima volta si sono esibiti a Bologna.

Notevole, infine, anche l’interesse per gli ampi spazi dedicati ai giochi da tavolo. Anche in questo caso numeri da sold out: per ore giovani di tutte le età che avevano semplicemente il desiderio, ampiamente appagato da Nerd Show, di divertirsi hanno testato le ultime novità proposte dalle case editrici.

Fonte: NerdShow.it

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...