Lucca Comics & Games 2019: Cannucciari, Pera Comics e Rubin ospiti del Festival in collaborazione con Tunué

Un’altra serie di annunci va ad arricchire il programma culturale di Lucca Comics & Games 2019, tra grandi autori ed eventi. Iniziamo con un trio che sarà ospite de festival in collaborazione con TunuéBruno Cannucciari, Alessandro Perugini (in arte Pera Comics) e David Rubín.

Bruno Cannucciari esordisce su “Comic Art” riprendendo il personaggio di Yellow Kid. Realizza, sulla stessa rivista, “Franco&Bruno”. Assunto nel novembre 1986 da “Italia oggi”, come vignettista e illustratore, dirada per qualche tempo la produzione fumettistica. Alla fine del 1988 dà vita, sulle pagine di “Lupo Alberto”, al personaggio di Winny, dedicandosi poi al personaggio di Lupo Alberto stesso (creato da Silver). Per Tunué ha pubblicato “Kraken”, scritto da Emiliano Pagani, opera tradotta in molte lingue e che si è aggiudicata premi prestigiosi.

Alessandro Perugini, in arte Pera Comics, nasce ad Arezzo e vive in provincia di Perugia. Grafico pubblicitario di caratura nazionale, nel 2017 si dedica al fumetto su Instagram diventando in poco tempo punto di riferimento. Nel 2018 esce il suo primo libro-gioco, “Chi ha ucciso Kenny?”: ristampato dopo 1 sola settimana, è stato primo per diverse settimane su Amazon. Collabora con diverse riviste tra cui “Focus Jounior” e l’agenda “Comix”, e aziende come la Colussi in qualità di vignettista e illustratore.

David Rubín è un fumettista spagnolo dal tratto dinamico ed esplosivo. Molti suoi titoli portano il marchio Tunué: “Dove nessuno può arrivare”, “La sala da tè dell’orso malese”, “L’eroe”, “Ether”, “The Fiction” e “Beowulf”. Il suo stile di disegno fortemente influenzato dai maestri americani, Kirby in particolare, gli ha permesso di iniziare proficue collaborazioni con case editrici statunitensi. A maggio 2019 Tunué ha pubblicato il potentissimo graphic novel “Grand Hotel Abisso”, sceneggiato da Marcos Prior, ambientato in un mondo il cui ordine sociale è gestito dalle grandi aziende e dalle false notizie, fino allo scoppio di una ribellione.

Fonte: LuccaComics&Games

Marco Rubertelli

Appassionato di fumetti e informatica. Dopo essere stato un fedele abbonato a Topolino per anni, un giorno, per caso, legge l'albo #224 di Dylan Dog, Sul filo dei ricordi, e inizia a leggere tutta la serie. Presto l'interesse si estende a qualunque tipo di fumetto, soprattutto graphic novel. Nel novembre 2013 fonda insieme all'amico Nicholas il portale C4 Comic.

Potrebbero interessarti anche...