Recensione Cinecomic: Gli incredibili 2 – NO SPOILER

Regia Brad Bird
Paese – Anno – Durata Stati Uniti – 2018 – 118 min.
Stagioni/Episodi
Sceneggiatura Brad Bird
Produzione Disney-Pixar
Genere Supereroistico

Passano 14 anni e niente è cambiato. Durante l’anteprima romana mi sono voltato sicuro di trovare mia madre con i pop corn in mano come in quell’ormai lontano 2004. L’azione ricomincia come se non fosse passato un minuto e questo lo pone al livello dei migliori sequel della storia del cinema. In casa Pixar d’altronde hanno già dimostrato di saperci fare con i sequel, visto il record americano di incassi per i film di animazione, detenuto da Alla Ricerca di Dory, record battuto soltanto da questa pellicola, oltreoceano già in sala dal 15 giugno e in arrivo da noi il 19 settembre.

L’AVVENTURA CONTINUA

Ciò che rende perfetto questo sequel è la totale continuità narrativa con il primo capitolo, facendoci ritrovare la famiglia Parr esattamente dove l’avevamo lasciata. Viene mantenuta l’estetica anni ’50, che caratterizza l’intero impianto narrativo del film, dalle ambientazioni agli abiti, fino alla colonna sonora, che quasi sembra uscire da uno dei capitoli della saga di James Bond. Questo secondo capitolo non è però solo una mera continuazione del precedente, ma una vera e propria versione 2.0 con più azione, più comicità e più Jack Jack! E’ proprio il piccolo della famiglia a far sorridere di più il pubblico, con la sua miriade di superpoteri che si attivano a caso, come svelatoci nelle scene finali del primo film.

UN SEQUEL DA URLO

Da molto tempo non si vedeva un sequel fatto non solo per cavalcare il successo commerciale di un franchise, ma per fare un bel film. Intendiamoci, l’operazione nostalgia è innegabile e forse è il film Pixar meno rivolto ai bambini, mantenendo però sempre i molteplici livelli di lettura che hanno reso grandi i film della casa di produzione californiana. La storia riparte dallo scontro con il nemico che si apprestavano ad affrontare nel primo film, per poi continuare l’intreccio affrontando temi già trattati nel primo, come le dinamiche familiari sgangherate della famiglia Parr, e approfondendo fatti già accennati nel primo capitolo, come la messa al bando dei supereroi che non può non farci pensare a Watchmen. Ma non vogliamo svelare altro della trama per consentire di gustarvi al meglio uno dei film Pixar meglio riusciti fino ad ora.

E se non bastasse tutto questo ricordatevi che c’è il corto prima dell’inizio del film. Questa volta chiaramente dedicato a mamme e figli che avevano visto la pellicola del 2004 e che ora tornano al cinema a distanza di anni. Ma anche qui non vogliamo svelarvi troppo. Non vi resta che armarvi di pazienza e sperare che questi due mesi trascorrano rapidamente!

C4 MATITE:

Noman Al Ani

Figlio di due fricchettoni che, durante l'infanzia lo hanno rimpinzato di libri e trascinato in giro per mostre di pittori Uzbeki. Da li ad amare il fumetto il passo è stato breve. Tuttora il suo sogno più grande è diventare uno Jedi.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.