Collezionismo: Atoman contro Killer

IL FUMETTO CHE ESCE CON VENTI ANNI DI ANTICIPO

atoman1Il fumetto che esce con venti anni di anticipo“, questo c’era scritto sulle copertine degli stessi albi, e tutto sommato era una considerazione vera! Se si pensa che questo fumetto vede la luce nell’ormai lontanissimo 1965, le idee contenute fanno gridare all’intuizione geniale, intuizione non raccolta e forse non completamente supportata a dovere, come invece accadde per altri titoli in patria e d’oltreoceano. Veniamo alla storia: Atoman è figlio di uno scienziato di Ousars (un pianeta distante dalla Terra diversi anni luce) e di una terrestre, Alice Toklas.

Questa insolita unione gli porta in dote poteri eccezionali che lui pone al servizio del bene ma che può solo usare di notte, dopo il tramonto quando il sole non è più alto nel cielo. Di giorno infatti è un uomo come gli altri, nascosto sotto le sembianze di un professore di astrofisica presso l’università di Harward, e risponde al nome di Jack Alson. L’unica facoltà che gli rimane attiva durante le ore del giorno è la capacità di sapere che cosa accade in ogni istante su tutta la superficie terrestre. Atoman ha un fratello, Killer, nato dalla stessa madre e da un criminale di Quasars, anche lui dotato delle stesse magnifiche qualità, ma in questo caso poste al servizio del male. Quest’ultimo vive sotto le spoglie del libertino Kirk Morgan.


POSTER comics cover Spark Atoman 1 Vintage Wall Art Print A3 replica
Magia nera
Il dio vendicatore
Il re del sertão
Roberto Diso. Trent’anni con Mister No: un segno al servizio dell’avventura

Riccardo Lucchesi

Tutto ha avuto inizio un giorno del 1988; ho comprato il numero 18 di Dylan Dog, Cagliostro! e non ho più smesso. Dylan ancora si trascina stanca, ma nel frattempo mi sono lasciato prendere la mano e ho invaso casa/e, non solo di fumetti ma ci ho messo un po' di sogni, di ricordi, di momenti, insomma ho misurato la mia vita tra pubblicazioni settimanali e mensili. E ora sono qua a scriverne per ricordarmi che ho fatto semplicemente la cosa giusta

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento