Collezionismo: Alan Ford

Un po’ di storia:

alan_ford_albo_n_1_il_gruppo_TNT

Alan Ford nacque dalla mente vulcanica di due autori di primissimo livello: Luciano Secchi e Roberto Raviola (Bunker e Magnus). Sulla scia di successi conclamati come Satanik e Kriminal affrontarono sul finire degli anni  ’60 una nuova sfida editoriale, dare alla luce un gruppo di personaggi conosciuti come il Gruppo T.N.T., un drappello di scalcinati e perennemente squattrinati agenti segreti. Alan Ford ha una gestazione rapida, i dettagli in veloce definizione scorrono via sull’onda di una nuova scommessa da vincere, il protagonista che da anche il nome alla serie veste alla moda (semplicissima per altro e al passo coi tempi) e prende in prestito i lineamenti dell’attore Peter O’Toole. I lettori fedeli alla rinomata ditta Bunker-Magnus nutrono grandi aspettative, ma il prodotto che si colloca in un segmento di mercato inedito trova una forte resistenza tant’è vero che viene accolto tiepidamente. 

ebay_024

Da 28.000 mila copie del numero 1 scende rapidamente a 8.000 (moltissime le rese dalle edicole) mettendo in discussione l’intero progetto. Ma la casa editrice Corso crede nel personaggio e non si scoraggia proseguendo per la sua strada, il primo numero in attivo è il 15, fino ad arrivare al 26 che decreta di fatto il decollo della serie. Il successo porta la testata tra i fumetti più conosciuti della panorama italiano, tanto è vero che ancora oggi a distanza di oltre 40 anni e 500 numeri esce regolarmente in edicola.


Alan Ford. TNT edition: 1
Alan Ford. TNT edition: 2
Alan Ford. TNT edition: 3
Alan Ford. TNT edition: 4
Alan Ford. TNT edition: 5

Riccardo Lucchesi

Tutto ha avuto inizio un giorno del 1988; ho comprato il numero 18 di Dylan Dog, Cagliostro! e non ho più smesso. Dylan ancora si trascina stanca, ma nel frattempo mi sono lasciato prendere la mano e ho invaso casa/e, non solo di fumetti ma ci ho messo un po' di sogni, di ricordi, di momenti, insomma ho misurato la mia vita tra pubblicazioni settimanali e mensili. E ora sono qua a scriverne per ricordarmi che ho fatto semplicemente la cosa giusta

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento