Collezionismo: Il Grande Mazinga

SULLE CORDE DELLA MEMORIA

IGRANDE-MAZINGA_001l giovane pilota Koji Kabuto (amatissimo in Giappone) è alla guida di un portentoso robot chiamato Mazinga Z, opera dell’illuminato scienziato dottor Kabuto. La loro missione è contrastare le cattive intenzioni di distruzione del dottor Hell, appartenete all’antica civiltà cretese, dimenticata dagli uomini ma rinvenuta casualmente durante degli scavi archeologici. Ma questo più o meno lo sappiamo tutti, tutti quelli che più o meno alla fine degli anni settanta facevano merenda inchiodati di fronte alla Tv in compagnia di Mazinga. I più attenti editori del tempo compreso l’immenso potenziale del soggetto fornirono le edicole, le cartolerie e le librerie di una quantità di materiale esagerato. La cosa eccezionale, e stranamente inconsueta fu quella di utilizzare le tavole originali di Go Nagai, autore in patria della saga robotica. Questa serie, rivalutata in tempi recenti da una schiera di collezionisti nostalgici, ha una media reperibilità, ma andiamo per gradi. Il prodotto per certi versi appare raccapricciante, tra copertine non proprio esaltanti o lettering imbarazzante, ma nel complesso racchiude il fascino di un’età pionieristica che si poteva permettere prodotti come questo. Le uscite hanno vita breve, solo 25 numeri, e sono proposte in un formato “all’americana”, con spillature sul dorso per un totale di 32 pagine più copertina. Il formato è di cm 17 x cm 23,4. Curioso come dal numero 2 cambia il titolo della serie in “Il grande Mazinger” e dal 13 viene rinnovata la grafica.


Mazinga. Da Mazinga Z al Mazinkaiser: l’epoea di un guerriero robot!
Mazinga nostalgia. Storia, valori e linguaggi della Goldrake-generation 1978-1999
Grande Mazinga Mini Metal Figure Go Nagai Dynamic Planning HL
Grande Mazinga 40 Cm. – Great Mazinger 16Inch Marmit Jumbo Figure
Mazinga Contro Gli Ufo Robot

Riccardo Lucchesi

Tutto ha avuto inizio un giorno del 1988; ho comprato il numero 18 di Dylan Dog, Cagliostro! e non ho più smesso. Dylan ancora si trascina stanca, ma nel frattempo mi sono lasciato prendere la mano e ho invaso casa/e, non solo di fumetti ma ci ho messo un po' di sogni, di ricordi, di momenti, insomma ho misurato la mia vita tra pubblicazioni settimanali e mensili. E ora sono qua a scriverne per ricordarmi che ho fatto semplicemente la cosa giusta

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento