Collezionismo: Lucifera

Da pochissimi anni l’attenzione di molti collezionisti si è rivolta verso un versante del mondo del fumetto per molto tempo relegato a sottoprodotto, e lasciato in disparte, non meritando assolutamente l’effige di cultura di serie C. La categoria alla quale mi riferisco è quella dei fumetti sexy/erotici che negli anni ’70 inondavano gli scaffali di tutte le edicole d’Italia. Moltissime di queste testate sono state vere e proprie palestre per autori poi in seguito emersi e affermati, le copertine uniche nel loro genere accattivante sono pietre miliari e veri e propri capolavori. Se per certi versi possono sembrare ammiccanti o superficiali queste serie non si sono mai pubblicizzate per quello che non sono, regalando moltissimi momenti di lettura svagata e divertente. Uno dei moltissimi esempi di questa produzione variegata è Lucifera.

Esce in edizione tascabile nell’ottobre del 1971 a cura della Ediperiodici. L’ambientazione, calata in un medioevo europeo, vede la diavolessa Lucifera impegnata a distrarre il dottor Faust grazie alla sua portentosa carica erotica. Tra gli innumerevoli disegnatori annoverati nella sua realizzazione si annovera pure il celebre Leone Frollo.

La serie si compone di ben 170 numeri, dall’ottobre 1971 fino all’agosto 1980.

lucifera14-072

Riccardo Lucchesi

Tutto ha avuto inizio un giorno del 1988; ho comprato il numero 18 di Dylan Dog, Cagliostro! e non ho più smesso. Dylan ancora si trascina stanca, ma nel frattempo mi sono lasciato prendere la mano e ho invaso casa/e, non solo di fumetti ma ci ho messo un po' di sogni, di ricordi, di momenti, insomma ho misurato la mia vita tra pubblicazioni settimanali e mensili. E ora sono qua a scriverne per ricordarmi che ho fatto semplicemente la cosa giusta

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento