Recensione: ’68 volume 1 – Corri nella giungla!

Editore Saldapress
Autori Mark Kidwell (sceneggiatura) Nat Jones (grafica) Jay Fotos (colori)
Prima pubblicazione Aprile 2011 – Image Comics (pubblicazione mensile – in corso)
Prima edizione italiana 27 marzo 2015
Formato 26,8×25,6 brossurato con alette
Numero pagine 180 full color

Prezzo 15,90 euro

ESPORTATORI DI DEMOCRAZIA 

In Vietnam la terra è intrisa di sangue. Nel 1975 gli invasori hanno precipitosamente lasciato Saigon, 68 - 2uno spettacolo che i vietnamiti avevano già visto molte volte nel corso della loro storia. Qualcuno arriva nel paese pensando di essere il padrone. Dopo un po’ se ne va, sanguinante. Prima è stata la volta dei cinesi, poi è venuto il turno dei giapponesi. Erano stati gli arroganti colonialisti francesi a trovare la morte per ultimi, massacrati nel Conflitto Indocinese. E poi è toccato ai maledetti yankee. Lo Zio Sam ha lasciato sul terreno quasi sessantamila morti e oltre trecentomila fra feriti e mutilati, una guerra perduta che ha bruciato una generazione di ragazzi, una guerra che ha ucciso più di un milione di vietnamiti.

Questo il contesto in cui Mark KidwellNat Jones e Jay Fotos hanno immaginato e realizzato il loro ’68,  una serie mensile che a partire dal 2011 ha riscosso un enorme successo negli Stati Uniti e che oggi Saldapress ci propone in una splendida raccolta del primo ciclo, intitolato Corri nella Giungla! (titolo originale Better Run Through the Jungle). Un lavoro di fantasia che affonda però le radici in una accurata ricostruzione storica basata su fatti, gergo e procedure militari realmente operative durante il conflitto. Unico dettaglio è che questa volta il vero nemico è una inarrestabile e misteriosa orda di non morti…

È MEGLIO SE CORRI…

Vietnam, 12 febbraio 1968. Sono tre giorni ormai che una base di ascolto nella foresta non dà segni di vita, e non è un buon segno. Il primo di quei mostri appare proprio nella foresta, intrappolato in un tranello che forse i suoi compagni avevano preparato per gli invasori yankee: ha le gambe trafitte e non si può muovere, ma continua ad68 - 1 annaspare, la pelle del viso putrefatta, gli occhi vacui ma non ciechi. Vede i suoi bersagli e li desidera, ha bisogno di carne viva e sangue anche se non sente più fame ne sete. I ragazzi non capiscono che sta succedendo, ma cominciano ad aver paura quando una raffica di M16 non uccide quello strano charlie: c’è voluto un unico colpo in testa.

Quando il soldato Kuen Yam si infila in quel maledetto buco con pistola calibro 45 e torcia, si aspetta un attacco. Il nemico si nasconde in quegli interminabili tunnel sotterranei, e ci porta di tutto. Anche i loro morti vengono seppelliti lì. Eppure quello che trova lo terrorizza molto di più di una raffica di proiettili. Una selva di mani cadaveriche spunta improvvisamente dalla terra e lo cerca spasmodicamente, mani che lo vogliono fare a pezzi.

Se i mostri siano nati a causa di una mutazione genetica creata dal famigerato Agente Arancio o come conseguenza di un esperimento del criminale di guerra dott. Ngyun Morneau, nessuno lo sa ancora. Ma intanto l’orda si allarga e la Cambogia è già perduta. E non è ancora finita. Nel calderone emotivo di giovani coscritti terrorizzati gettati in pasto a guerriglieri forgiati da quarant’anni di conflitto, ecco apparire una incognita: un’orda di zombie che non ha nemici, esseri mostruosi in grado di utilizzare armi, non bersagli decerebrati ma nemici implacabili. Un orrore che avanti a sé non vede nemici ma cibo.. .e il cibo non ha colore o nazionalità. Non ci sono luoghi sicuri. Non più.

PLATOON IN SALSA ZOMBIE 

’68 di Mark KidwellNat Jones e Jay Fotos, edito in Italia da Saldapress, è un oggetto intrigante sotto ogni 68 - 5aspetto. Nella complessa sceneggiatura ordita da Kidwell la guerra è protagonista al pari degli zombie che infestano le pagine. Eppure l’autore, che usa l’espediente delle note epistolari per descrivere i vari stati d’animo dei suoi protagonisti, integra perfettamente i suoi mostri con la realtà della Guerra del Vietnam. Pagina dopo pagina ci troviamo nella giungla, e percepiamo distintamente sia le miserie di un esercito allo sbando, che l’orrore di fatti fuori da ogni comprensione. Una realtà che non può essere accettata da una persona sana di mente, e che diventa innegabile solo quando ondate di zombie armati arrivano ad assediare l’avamposto, mentre i sacchi dei cadaveri in infermeria cominciano a muoversi.

Lo stile di Nat Jones, si sposa perfettamente con la storia grazie alle sue tavole fatte di primissimi piani alternati a parti descrittive estremamente dinamiche. La suddivisione della pagina non scandisce tanto il ritmo della narrazione quanto il livello di tensione da somministrare al lettore. D’improvviso ci si trova catapultati nella giungla insieme alla pattuglia: un rumore nella foresta, il crepitare di un fuoco lontano, poi un compagno sente puzza di cadavere, e dal nulla eccolo arrivare alle sue spalle, un morso che gli strappa carne e muscoli, poi il rumore delle pallottole che impattano sul corpo già morto e il sangue del ragazzo che gorgoglia sinistro dalla giugulare aperta. Ogni singola vignetta, che occupi una pagina o un minuscolo riquadro, trascina un po’ più giù nella paura. In tutto questo ha certamente una parte fondamentale anche Jay Fotos, che è riuscito a donare profondità anche alle tavole più complesse e dettagliate grazie alle pennellate di luce che distribuisce sempre con maestria.

68 - coverDire che ’68 – Corri nella giungla è “bello” sarebbe riduttivo. L’appassionato troverà risposte alle proprie curiosità grazie alla notevole sezione di approfondimenti aggiunta in coda al volume, oltre ad apprezzare questa bizzarra ed innovativa interpretazione del tema “zombie”. Il lettore casuale sarà sopraffatto dalla qualità dei disegni e dalla storia che colpisce fino dalle prime pagine e non ti lascia più. Una nota finale va dedicata al prezzo di vendita, pari a quasi sedici euro. La brutta notizia è che la qualità ha sempre un prezzo. La buona notizia è che Saldapress ha fatto le cose come si deve e per capirlo basterà andare in fumetteria e sfogliare il volume, tenerlo fra le mani. Il passo successivo sarà quello più complicato: trovare il posto più adatto sullo scaffale di casa vostra. Buona lettura. 


Corri nella giungla! 68: 1
Zombies. Ediz. integrale
Sei tra amici. Revival: 1
Destini peggiori della morte. Nowhere men vol. 1A
La forza di Tyreese. The walking dead speciale

C4 MATITE:

Andrea Cattani

Figlio degli anni '80 (insomma...metà anni 70...), attendo l'arrivo di Daltaniuos per finalmente fuggire da questo pianeta, a mio parere, dominato da mostri. Ecco

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.