Recensione: Adam Wild #4 – L’anello mancante

Editore Sergio Bonelli Editore
Autori Gianfranco Manfredi (soggetto e sceneggiatura), Laci (disegni), Darko Perovic (copertina), Valentina Pejrano (lettering)
Prima pubblicazione Febbraio 2015
Prima edizione italiana Febbraio 2015
Formato 17 cm x 21,3 cm
Numero pagine 98

Prezzo 3.30 euro

Certi studiosi di scarso acume suppongono che, siccome l’uomo discende dalla scimmia, possano esistere in Africa degli esemplari sopravvissuti di uomo scimmia! Come si fa a credere a una fesseria del genere? Sarebbe assai più probabile riuscire a trovare un centurione romano ancora in vita… non credi?
Adam Wild

In Adam Wild 3 – I diari segreti di Livingstone i nostri eroi avevano scoperto degli scritti inediti dell’esploratore e proprio sulla base del loro contenuto pianificano una missione.

LA STORIA

Adam e il Conte Narciso Molfetta sono sulle tracce di Ashon e Diallo, due ex-schiavi liberati da Livingstone che lo tradirono unendosi agli schiavisti. Per questo motivo si spostano da Ujiji al villaggio di Nyangwe dove i due uomini regnano seminando il terrore.
Ad attenderli ci sarà una sorpresa: l’anello mancante, un incrocio tra un uomo e una scimmia, che Ashon e Diallo vorrebbero vendere ad Adam e al Conte Narciso Molfetta. Nel frattempo anche Frankie Frost è diretto a Nyangwe dopo aver saputo che il rarissimo esemplare si trova lì. Sarebbe un pezzo dal valore inestimabile per il Circo di Bailey, che pagherebbe Frost profumatamente se riuscisse a portarglielo.

L’ANELLO MANCANTE

Quella dell’anello mancante non è una definizione scientifica, ma una fantasia resa popolare dalla letteratura e dal mondo dello spettacolo secondo cui esisterebbe in natura un esemplare intermedio tra l’uomo e la scimmia che testimonierebbe questo passaggio dell’evoluzione.
Fu il geologo britannico Charles Lyell (1797-1875), sulla base delle teorie evoluzionistiche del naturalista francese Jean Baptiste Lamarck (1744-1829), a usare in ambito scientifico il temine “Missing Link” (Anello Mancante) e a trasferirlo dallo studio dei fossili allo sviluppo della specie umana.

I PERSONAGGI

Il racconto è incentrato su tre coppie di personaggi: Ashon-Diallo, Adam-Conte Narciso Molfetta e Frankie Frost-Lady Winter.

A fare da contraltare all'”intesa malata”,  in quanto volta al male, di Ashon e Diallo, in questo numero c’è l’intesa naturale, quasi casuale e volta al bene di due personaggi molto diversi tra loro come Adam Wild e il Conte Narciso Molfetta. I due senza mettersi d’accordo riescono a rompere la simbiosi che fa sembrare Ashon e Diallo una persona sola.

ASHON e DIALLO: i due personaggi corrispondo perfettamente alla loro descrizione nei diari segreti di Livingstone. Sono due individui crudeli, che parlano, si muovono e pensano in sincronia, ma l’incontro con Adam e il Conte creerà una crepa nel loro rapporto:

Ashon: Ordine sbagliato! Cosa ti è saltato in testa, Diallo?
Diallo: Lo sbaglio lo hai fatto tu, Ashon. Hai sottovalutato Adam… io non resto qui a fargli da bersaglio e se non sei d’accordo, tanto peggio per te!

ADAM e IL CONTE NARCISO MOLFETTA: grazie all’ingenuità del Conte e all’abilità di Adam i due riescono a mettere in crisi Ashon e Diallo pur non avendo pianificato nulla.

Adam: Hai dato ad Ashon e Diallo parecchio materiale su cui discutere… se la loro prodigiosa intesa si incrinerà sarà per merito tuo!
Conte Narciso Molfetta: Mi fa piacere… evidentemente sai capire le mie intenzioni meglio di me. Se poi tu riuscissi anche a spiegarmele, te ne sarei ancora più grato.

FRANKIE FROST e LADY GERTRUDE WINTER: Ma non ci dimentichiamo dell’altra coppia di cattivi  che sta attraversando una crisi. L’odio comune per Adam Wild che gli aveva uniti, ora li divide:

Lady Gertrude Winter: …hai paura che Adam Wild possa scovarti, vero? Sei sulla sua lista dei cattivi, Frankie, non ti servirà a nulla fuggire. Lui ti troverà comunque!
Frankie Frost: Qualunque cosa ci sia stata o ci sia ancora tra te e Adam Wild, io me ne infischio!

Un congedo di Frankie Frost dalla sua amante alla Via col vento!

IL QUARTO NUMERO

Adam Wild 4 – L’anello mancante non delude le aspettative: ci sono i colpi di scena, l’azione e lo scenario che, man mano che si va avanti con la storia, diventa sempre più selvaggio. L’anello mancante guida Adam nel territori più sperduti dell’Africa e tra loro nasce un’amicizia basata sul rispetto. Stridente è il contrasto con la visione di Frankie Frost che vede l’anello mancante come una merce da esibire e su cui speculare.
Belli i disegni di Laci tra cui spicca una supersexy Lady Winter!

Non resta che attendere il prossimo appuntamento il 3 febbraio con Adam Wild 5 – La terza Luna in cui i nostri saranno alle prese con una tribù di cannibali.

Potete trovare la recensione del primo numero di Adam Wild cliccando qui, del secondo cliccando qui, del terzo qui.


ADAM WILD #3 – I diari segreti di Livingstone
L’inizio. Orfani: 1
Bugie. Orfani: 2
Verità. Orfani: 3
Dylan Dog. Cronache dal pianeta dei morti

C4 MATITE:

Mariarita Sasanelli

Cresciuta a pane e Topolino, eccomi qui ad ampliare i miei orizzonti fumettistici, leggendo di tutto e scrivendoci recensioni. Curo anche La Rubriken di Bonvi su C4comic e correggo le bozze perché credo in un mondo migliore... con pochissimi refusi! :D

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.