Demonic

ACCENDI UN DIAVOLO IN ME

Di diavoli e creature infernali ne è pieno il mondo fumetto ma non potevamo tirarci indietro di fronte al patto che SaldaPress ci ha proposto di stipulare: 14,90 per portarci a casa una nuova idea del famigerato Robert Kirkman, angelo del fumetto caduto sulla Terra per popolare di demoni i nostri sogni tranquilli. Non è solo stavolta, al suo fianco araldi del calibro di Marc Silvestri all’ideazione, Christopher Sebela ai testi e Niko Walter alle matite. Una legione di artisti che ci introduce nella vita di Scott Graves (nome peculiare) un detective che sbarca il lunario offrendo vittime sacrificali ad Aeshima, una dolce femme fatale assetata di sangue umano. La posta in gioco per un eroe dannato sono le persone che ama.

UN DIAVOLO PER FUMETTO

L’eroe tormentato e ricattato da un destino più potente di lui è una tendenza che conosciamo bene, rodata, che semplifica in qualche modo il corso degli eventi lasciandoci consumare nella tensione della scelta che compirà il protagonista. E’ questo il corso di Demonic, verbosissima parabola del bene e del male declinato nel contesto famigliare. Il nostro protagonista indossa guanti artigliati per falciare le sue vittime nel nome di una propria redenzione, così come hanno fatto suoi storici predecessori. Ecco, se Demonic incontra un limite è proprio nel già visto, ma la consistenza di tutta l’opera non è di poltigliosa carne bensì una scorza dura e solida, marchio Kirkman.

Le sottotrame riservano un continuo di colpi di scena che mantengono alto il ritmo, tuttavia si sente il peso di una poca originalità di fondo.

I’M ALREADY A DEMON

Se la narrazione riesce ad oscillare nella giusta maniera, pur soffrendo di dialoghi piuttosto neutri, il disegno non si impegna più di tanto per offrire dinamismo all’azione. Walter ha un tratto grezzo, come un graffito schizzato velocemente sul muro, poco dinamico e dettagliato, ma ha il pregio di rendere a tratti realmente distorto l’universo narrativo. Le tinte oscure la fanno da padrone, come un horror comanda.

L’edizione SaldaPress si mantiene sempre su un buon livello. Un’opera da collezionare per gli appassionati di horror e azione anni’90, con un taglio mistery. Robert Kirkman pomperà certamente il valore dell’opera ma l’entusiasmo per alcuni potrebbe rivelarsi una maledizione.

 

Orzo Nimai

Mi chiamo Nimai. E' il mio vero nome. Sul serio! Scrivo storie e un giorno vorrei farlo diventare un lavoro. Uno dei miei sogni è accumulare abbastanza materiale per riempire almeno una pagina su Wikipedia.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento