Recensione: Dylan Dog #348 – La mano sbagliata

Editore Sergio Bonelli Editore
Autori Barbara Baraldi (sceneggiatura), Nicola Mari (disegni), Angelo Stano (copertina)
Prima pubblicazione Agosto 2015
Prima edizione italiana Agosto 2015
Formato 16×21 cm
Numero pagine 100

Prezzo 3,20 euro

Perché l’orrore cammina al nostro fianco
– da Dylan Dog #348

TRA LA VITA E LA MORTE

Dylan Dog 348_01Le mie aspettative e la curiosità intorno a questo albo di Dylan Dog erano a livelli inimmaginabili… tutta quest’ansia era giustificata? Risponderò nella maniera più sincera e personale possibile: Barbara Baraldi e Nicola Mari consegnano ai lettori dylaniati uno degli albi più riusciti del rilancio dell’old boy curato da Roberto Recchioni.
Barbara Baraldi è al suo esordio nella serie regolare mensile di una delle testate più monolitiche del fumetto italiano e ciò traspare chiaramente, non tanto per carenze dovute all’inesperienza (di cui non v’è traccia), ma per l’immenso amore e la cura riposta nel confezionare un albo destinato a rimanere nei cuori dei fan.
Dylan Dog sarà portato a ballare un valzer (metaforico e non) con due bellissime artiste: Anita Novak e Rita Leigh, rappresentanti rispettivamente morte e rinascita. Il tormentato eroe avrà il compito di investigare su alcuni omicidi che riprendono le stesse scene strazianti ed inquietanti dipinte da Anita.
Quest’albo si tinge di mille sfumature, vita e morte coesistono nella medesima arte elevandosi vicendevolmente. Questo fumetto tirerà fuori uno dei lati più amati di Dylan: il romanticismo irrazionale ed il suo continuo corteggiare ed essere corteggiato dalla trista mietitrice. I quadri di Anita mettono letteralmente i brividi, tuttavia non si può far a meno di ammirarli e rimanerne affascinati.

TRA L’AMORE E IL MALE

L’amore è il motore del mondo, ciò che non viene ricordato altrettanto frequentemente è Dylan Dog 348_02che l’amore non solo crea, spesso e volentieri distrugge. È su questo perno che scaveremo attraverso gli occhi di Dylan nel profondo di uno dei personaggi femminili meglio caratterizzati degli ultimi tempi. Sarà proprio lei il punto forte di questo fumetto, rubando spesso e volentieri la scena all’indagatore dell’incubo. Anita terrà violentemente l’attenzione del lettore in maniera imperante  e Dylan non potrà che assecondarla, come si suol dire: al cuor non si comanda!
Ciò che rende così emozionante e pregno di significato il tutto sono i disegni di Nicola Mari, a parere di chi scrive, il miglior disegnatore di Dylan Dog. Mari o si ama o si odia, inutile dire in quale “partito” mi colloco, impossibile restare indifferenti di fronte alla particolarità delle tavole di questo artista. Le figure umane, alte e scheletriche, si sposano perfettamente con il velo mortifero che aleggia nei quadri di Anita, i personaggi hanno un’espressività fuori dal comune, le scene di flashback portano la vicenda narrata su un piano quasi onirico. Anche le scene di sesso (Dylan ci darà dentro di brutto) sono sublimi. Ultimo ma non ultimo: faticherete a togliervi dalla mente i primi piani ravvicinati sulle facce terrorizzate dei protagonisti, statene certi.

TRA PRESENTE E PASSATO

Quest’albo si presenta come uno splendido connubio tra quanto ha fatto innamorare i lettori della prima ora ed il tentativo di rinnovo di una serie che merita non solo di sopravvivere ma di terrorizzare senza troppi riguardi migliaia di lettori. Barbara Baraldi conferma il talento e l’alchimia con il personaggio dimostrato nella storia breve scritta per il Color Fest, Nicola Mari impone la propria arte con una classe ed una cifra stilistica fuori misura.
La mano sbagliata non è semplicemente consigliato, è ciò per cui gli amanti di Dylan Dog ogni mese si recano in edicola sperando di trovare la storia che lascia il segno. Preparate i vostri tre euro e venti perché questa volta è andata proprio di lusso!


Dylan Dog. Mater Morbi
Dylan Dog. Il sorriso dell’Oscura Signora
Dylan Dog. Caccia alle streghe
Dylan Dog. Cronache dal pianeta dei morti
Collezione Dylan Dog n. 1-270 prima edizione

C4 MATITE:

Jacopo Cerretti

Classe '90, cresciuto a pane (tanto) e comics con approccio disinteressato, negli ultimi 3 anni ho sviluppato un vero e proprio amore per il fumetto grazie in primis all'indagatore dell'incubo, i colleghi di casa Bonelli e alle poesie grafiche di Gipi.

Potrebbero interessarti anche...

Nessuna Risposta

  1. 24 agosto 2015

    […] Articolo di Jacopo Cerretti. Leggi il testo completo su c4comic.it […]

  2. 1 settembre 2015

    […] pochi giorni dall’uscita in tutte le edicole di Dylan Dog 348 (La mano sbagliata), Sergio Bonelli Editore stuzzica la curiosità dei lettori con […]

  3. 8 settembre 2015

    […] gli autori presenti su Verticomics: Zerocalcare, Roberto Recchioni (Dylan Dog, Orfani, Battaglia), Sara Pichelli (Spider-Man, X-Men), Mirka Andolfo (Sacro/Profano) e molti […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.