Fumetti di evasione – Vita artistica di Andrea Pazienza

Ora che non è più, ci sono giorni in cui la realtà della sua esistenza mi assale con un’immensa, schiacciante forza

Ed è così che mi sento ogni volta che, per lavoro o per diletto – o per quella necessità che mi si presenta mai troppo spesso – mi ritrovo a parlare di Andrea. Quell’autore che per motivi anagrafici non ho potuto conoscere ma che mi permetto di chiamare per nome, come un amico. Quello col quale hai passato tempo e tempi. Ed è uno strazio nominarlo soltanto, quando i ricordi prendono il sopravvento e comincio a sentirmi in colpa, quel tipo di responsabilità che tutti avevano verso di lui e che, ignorata, l’ha portato al calvario, la passione e, infine, alla morte. Una morte mai vendicata, un cadavere lasciato andare senza giustizia. Forse è anche per quello che Andrea continua a vivere tra noi.

VITA…

Fumetti d’evasione – Vita artistica di Andrea Pazienza non è una biografia ma un romanzo di narrativa nonfiction che racconta i Tempi del più grande fumettista di sempre. Oscar Glioti, l’autore, racconta Pazienza attraverso tre macro-capitoli che ne ripercorrono la carriera fumettistica usando le sue opere principali per raccontare l’artista e gli anni in cui ha vissuto. Esce domani, a distanza di oltre quarant’anni da quei giorni che in pochi hanno vissuto come Andrea, e ne racconta i movimenti, le manifestazioni, gli amori e le morti. Un compendio in piena regola di una vita vissuta sulla strada e per la strada, una somma di tutto quello che c’è da sapere tranne l’essenziale.

… ARTISTICA

Cosa c’è in più? Perché diciamolo, su Pazienza le abbiamo sentite tutte e in fondo ci siamo anche un po’ rotti i coglioni. Ristampe ovunque, inediti che manco Tolkien; ho sentito che l’anno prossimo esce pure il modellino della sua SRX600 in seicento uscite settimanali, se ci va bene nell’ultima troviamo anche la pera stipata nel sotto-sella. Che poi capisco i vecchi comunisti che se lo leggevano, ma ai giovani di oggi siamo sicuri faccia bene sta roba? Che motivo c’è di parlare ancora una volta di uno che nella vita ha fatto solo il fumettista?

Una cosa che manca nel libro sono le foto di Andrea; e un po’ mi scazza.

E la realtà oltre la provocazione è che quest ultima è quasi sempre vera. La domanda, probabilmente, non è cosa ci sia nel volume di Glioti ma cosa renda Andrea Pazienza e la sua produzione artistica così dannatamente importanti per la storia dell’Italia e degli italiani, amanti del fumetto o meno. Se volete saperlo vi toccherà leggere Fumetti d’evasione proprio perché riesce in quello che a noialtri non è mai riuscito: inserire Pazienza nella sua epoca. Perché è questo il difficile degli autori immortali, si rischia sempre di farli vivere nel presente e non nella loro epoca. Attuale un cazzo, siamo noi che continuiamo a fare gli stessi errori di ieri e Glioti ce lo spiega senza puntare il dito, riuscendo in una digressione lunga trecento pagine sui perché e, soprattutto, i ma di Pazienza. La qualità, però, si vede non solo dall’accuratezza storica o dal ritmo narrativo estremamente fluido, o dall’incredibile preparazione di Glioti su arte e storia, quanto dall’obbiettività dell’autore che riesce nell’arduo compito di attribuirgli sì le buone azioni ma, soprattutto, anche quelle cattive, sbagliate. Questo è quanto serve per comprendere Pazienza e le sue opere, sviscerate e analizzate con cura meticolosa e testi comprensibili (senza i soliti paroloni che ci piace tanto metterci in bocca a noi criticazzoni).

Infine Fumetti d’evasione – Vita artistica di Andrea Pazienza è un volume necessario per la comprensione del più grande fumettista di tutti i tempi. Avvertiti, però, perché all’inizio sarà difficile togliersi di mente l’idea che Oscar Glioti stia cercando di decostruire l’eroe ma, una volta riusciti, è tutto in una dolce discesa fino al lirico finale, degno funerale letterario. Magari alla fine conoscerete un po’ meglio l’autore e, perché no, comincerete anche voi a chiamarlo solamente Andrea.

Roberto Diglio

Sceneggiatore e, prima di tutto, accanito lettore di fumetti. Ho frequentato la Scuola Internazionale di Comics, progetto e scrivo molteplici fumetti, studio storia e analisi della nona arte. Ogni tanto dormo e sogno di diventare un autore famoso tanto da farmi insultare da quei maledetti recensori. Nel frattempo recensisco.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento