Orfani: Ringo #02 – Nulla per nulla

Il compromesso non è altro che il sacrificio di una cosa buona o giusta, fatto nella speranza di conservarne un’altra…
(Ringo #2)

NULLA PER NULLA

Ringo 2Nessuno si salva da solo. Se vuoi vivere in un mondo che ha abbandonato il senso civile come concetto di democrazia, devi porre al centro una nuova idea, il compromesso.

La rivoluzione, nel secondo numero di Ringo, l’ex-pistolero di Orfani, sembra un’utopia già lontana. Nulla per nulla, neanche l’ospitalità è segno di riconoscenza.

Dopo un numero uno difficile da superare ci troviamo davanti un albo pieno di umanità. Il viaggio di Ringo e dei tre giovani orfani-rivoluzionari (Seba, Nuè e Rosa) ha inizio, e le decisioni si dimostrano da subito pesanti.
Perché seguire uno sconosciuto?

Nessuno, in un mondo dove l’uomo è lupo per l’altro uomo, sprecherebbe del tempo per salvare vite e rallentare la propria corsa per la libertà.

Nel corso della lettura è sorta subito una domanda. Dove porterà il lungo viaggio intrapreso dai protagonisti? Verso la libertà o la morte e l’abnegazione per un futuro che non diverrà mai presente?

Poco importa, alcune linee guida sono già tracciate e sappiamo che lo scontro (che avverrà) tra Ringo e i Corvi sarà una delle punte più alte per tensione e svolta narrativa.

Il compromesso è la strada per crescere. Ringo ha smesso di giocare al buon samaritano da lungo tempo, e conosco le rimostranze di un mondo senza pietà.

CO-CAPITANO AL TIMONE

UpkPfA5XLjjPNyY90NnELTwkNGCqDhOb+3HXjTow0To=--Dopo tredici numeri (l’intera prima stagione di Orfani e il primo numero di Ringo), cambio della guardia ai testi. Papà Rrobe, cede il posto a Mauro Uzzeo, sceneggiatore romano, già visto nel team di John Doe e Dylan Dog (in collaborazione sempre con Recchioni e a lavoro su storie nate interamente dalla propria tastiera).

Nulla per nulla, ad una prima lettura è stata una frenata di quelle a rischio tamponamento a catena. Balloon grossi come bombe pronte ad esplodere e una durata di lettura che richiama Neverending story.

Razionalizzando, e dimenticando la fruizione di ciò che si era letto finora sulla prima testata a colori della Sergio Bonelli Editore, abbiamo un vero è proprio regista all’opera.

Abbiamo un setting iniziale veloce e ben strutturato, una rivelazione per i tre orfanelli (Ringo è effettivamente l’ex-pistolero), una parte centrale fitta di dialoghi e una grande fetta di Action finale.

Funziona tutto. Le inquadrature, adoro quelle ai piedi – eppure non sono feticista, donano il senso di percorso che stanno svolgendo i nostri nuovi Orfani e allo stesso tempo quella tangibilità con la Terra che avevo sottolineato anche in Ringo 1.

SQUADRA CHE VINCE, NON SI CAMBIA!

cUdnCCa3RSSWl1uBA3o8OUO0vXwbiZU=--Ai disegni, Luca Maresca, già visto all’opera nel corso della prima stagione di Orfani, e parte integrante di quella squadra capitanata dal grande Lorenzo Bartoli e Roberto Recchioni su John  Doe.

L’abbondanza di vignette grandi, sia quelle panoramiche sia quelle focalizzate sui personaggi, rimarcano l’importanza di tenere alta la soglia dell’attenzione e dei picchi della storia.

Nonostante “Nulla per nulla“, ha un ritmo meno veloce di tutti i suoi albi precedenti, ci sono tantissimi piccoli colpi di scena che sono mostrati con vignette che valorizzano il momento.

Importantissima la funzione dell’alternanza del colore (Alessia Pastorello), nella determinazione dell’ambiente.

Paludoso è la prima parola che viene fuori alla vista delle tavole di apertura della storia. Per tutta la durata dell’albo prevale una connotazione cromatica smorta ma non fredda.
Contrariamente a quanto si possa pensare guerra sta a bombe come esplosione non sta a caldo. Infatti, la particolarità della scena finale in cui si gioca alla guerra è la presenza di colori freddi.

Nulla per nulla. Chi si sacrifica per un bene superiore avrà un posto d’onore nel nuovo mondo. La rivoluzione sopita e sparsa per il mondo è pronta ad un nuovo fermento e a tornare in auge.

  
ORFANI: RINGO #2 – NULLA PER NULLA
Orfani: Ringo 1 Ancora Vivo
Orfani 1: L’Inizio
Orfani 2: Bugie
Orfani 3: Verità

Luigi Formola

27 Luglio 1986. Musicista, scrittore e comunicatore. All'età di otto anni si diverte a riscrivere i climax di molti film. A dodici anni sceglie Dylan Dog come costante della sua vita. A vent'anni, l'università, Scienze della Comunicazione, una tesi sulla correlazione degli stili di vita e le marche. Nel 2013 studia sceneggiatura alla Scuola Internazionale di Comics di Roma. Nel 2015 e 2016 tiene un ciclo di lezioni sulla scrittura al S.O.B. per il corso di perfezionamento "Editoria per l'infanzia e il pubblico giovanile". Attualmente, collabora con la NPE, come traduttore e autore, è al lavoro sul primo romanzo con l'agenzia letteraria TZLA, e scrive un fantasy su Wattpad dal titolo "Ray Owlers, oltre il buio."

Potrebbero interessarti anche...

Nessuna risposta

  1. 24 novembre 2014

    […] ci stiamo godendo Nulla per Nulla, il secondo numero della seconda stagione di Orfani, rassicurati di averne per un’altra […]

Lascia un commento