Recensione: Stagioni, cinque storie per Emergency

Editore Tunué
Autori Simona Binni, Antonio Bruscoli, Paolo Campana, Francesca Carità, Gud, Roberto Maccaroni, Patrizia Pasqui, Stefano Piccoli e Marco Rocchi
Prima pubblicazione Dicembre 2017
Prima edizione italiana Dicembre 2017
Formato 19,5 x 27 cm
Numero pagine 128 a colori

Prezzo 19,90 euro

Io… Non lo capisco

Violenza, diversità, possibilità. Le quattro Stagioni e mezza dell’omonimo volume edito da Tunué portano a riflettere in questa direzione, su temi strettamente contemporanei. L’emergenza dei migranti, le loro fughe per motivi politici o economici, le guerre che le causano: ecco gli eventi centrali che troverete in queste pagine realizzate da un ampio parco di autori italiani con il patrocinio di Emergency di Gino Strada.

CINQUE STORIE PER OGNI MOMENTO

I fidanzati della morte esplora il nostro passato recente, nel cuore del XX secolo, dopo la Seconda Guerra Mondiale: è la storia dei nostri nonni, dei rischi nascosti dopo la fine di un conflitto: perché per morire non serve un colpo di pistola, basta calpestare una mina. Questo è il filo conduttore con il successivo Skin e Sky, che però ci porta nell’Africa Nera, nel bel mezzo della guerriglia dei ribelli anti-governativi e delle popolazioni che vivono ciò come un flagello perpetuo. Quando una parte politica ricorre alla forza, si può solo scappare se si è indifesi: lo sa bene Abdullah di Una storia lunga un sogno, costretto ad abbandonare la sua terra a causa dei Talebani. Un secondo tema portante è la malattia, presente nella terza e quinta storia, Storm e Gubuldin, ma da due punti di vista differenti, quelli del malato e del medico, di chi subisce e di chi cura.

NARRAZIONE & DISEGNI

Non mi dilungo sulle storie, la cui brevità non consente maggiori dettagli sulla trama. Vorrei invece lodare l’intento, ma soprattutto la sensibilità che alcune storie raggiungono, specie la seconda, a mio avviso la più riuscita dell’intero volume. C’è un forte bisogno di una presa di coscienza da parte nostra di chi siano veramente le persone che sbarcano sulle nostre coste, del perché sia davvero un problema che ci riguarda e non certo per motivi di razza in via d’estinzione; dobbiamo capire che non bastano gli slogan per dimenticare o risolvere la questione, fatta di persone vere, come noi, identiche a noi. Dal punto di vista visivo i risultati, va detto, sono alterni, con stili forse un po’ troppo semplici e affrettati, come anche certe soluzioni nella costruzione dei dialoghi e della messa in scena. Ad ogni modo, il volume merita una lettura e pertanto è consigliato per l’oggi, in vista del domani.

PRO CONTRO
– Storie toccanti e temi attuali – Scelte narrative e grafiche discutibili

C4 MATITE:

Andrea Tondi

Filologo romanzo, vive nel suo mondo fatto di cavalieri e avventure mistiche nella foresta. Quando torna nel mondo reale, scrive di fumetti.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.